Home
mercoledì 24 agosto 2016
 
 
 
Dizionario di Tarantonostra per Android
L'ha scritt usinnache   
mercoledì 10 luglio 2013
Domenica 28 luglio 2013 alle ore 22, presso il Caffè Letterario "Cibo per la Mente" a Taranto in Via Duomo, 237, Alessandro Guido, 'sinnache Carlo Caprino e 'u president Piergiorgio Lupoli presenteranno la nuova app del Dizionario di Tarantonostra per Android.

Dopo la presentazione sará possibile incontrarsi con i vecchi amici di Tarantonostra.com e salutare chiunque voglia partecipare all'evento. Nel locale è possibile cenare. Il dizionario contiene una selezione di parole del dialetto tarantino che faranno di voi un ammuzzo di cozzari se non addirittura dei veri vastasi. In poco tempo potrete parlare un tarantino perfetto e disinvolto in qualunque caffè della Discesa Vasto o in un salotto ai Tamburi.

Le oltre trecento parole di questo dizionario sono state tutte pronuciate dal Presidente PG in persona per agevolare tutti nella comprensione dell'idioma dei due mari che il mondo ci invidia, a cominciare dagli Stati Uniti d'America.

Sta pure la funzione "Acchia" per trovare a una parola senza che dovete fare annanz e arret accu u dic't e poi ci jastemate e ci dite che il dizionario fasch shkife. Potete anche condividere le parole del dizionario su Facebook e su Twitter, quanto ngarcate nu buttòn. Potete scaricare il dizionario dal Google Play Store
Oppure se avete un lettore di QR codes sul vostro smartphone o tablet android usate il QR code qui sotto:
 
FOGGIA – TÀRDE NUÈSTRE = 1 a 2…FRÌSCE ‘U PÈSCE E TREMÌNDE A … GATTO
L'ha scritt Aldo "XP Diecipalazine"   
lunedì 21 gennaio 2013

 E stà bbéne ô jattùdde nuèstre! Mèndre tùtte stè frescèvene… GATTO s’ha futtúte ‘u pèsce sòtt’a ll’uècchie de tùtte. Ehehehe! D’a jàtte jé ‘a còlpe ce ‘a patróne jé fèsse?... Le sciucature d’u FOGGIA s’honne fatte fa’ fèsse sòtt’a ll’uècchie da ALESSANDRO GATTO. Comungue, tòtt’a squàdre ha sciucáte bbuéne! Bráve! Finalmènde! A veretà… ste facemme n’òtra cacáte de quìdde nuèstre. PROSPERI ha fàtte ‘nu fàlle da stuèdeche e sús’a punizzióne, ‘u FOGGIA ha segnate. In difése… paréve ca ste sciucàvene a’ lle bèlle statuíne.

Ligg u rest...
 
TU TE STÈ, IJE ME STOCHE, NINT’ ME DÈ E NINT’ TE DOCHE
L'ha scritt Carlo "U Sinnache"   
lunedì 21 gennaio 2013

 Ero nella sala bricolage ubicata nell’ala nord-nord-ovest della mia modesta magione e stavo procedendo all’assemblaggio di un vibrovaglio circolare adatto alla setacciatura oscillatoria di tipo tridimensionale necessaria per selezionare i sassi di dimensione opportuna alla realizzazione del mio bonseki, quando mi resi conto che non avevo sottomano un cacciavite adatto a stringere le viti delle fascette di fissaggio dei tubi flessibili del circuito idropneumatico di comando dell’apparecchio.

Non volendo abbandonare la sala, e volendo far sfoggio della mia padronanza della lingua inglese, mi risolsi a chiamare Archibald, l’immarcescibile maggiordomo che mi ausilia in ogni mio comodo, utilizzando la lingua della perfida Albione: “Archiba’ – esclamai stentoreo – please bring me a screwdriver, please!”. Dopo pochi secondi un felpato scalpiccio preannunciò l’arrivo del longilineo butler, che però – con mia sorpresa e disappunto – recava seco non già l’attrezzo richiestogli, bensì un bicchiere tipo highball contenente un long drink a base di vodka e succo d'arancia.

Il disappunto di non poter disporre dell’attrezzo che mi necessitava non era inferiore all’essere stato paragonato al trafficante di armi Ordell Robbie, impersonato da Samuel L. Jackson nel film “Jackie Brown” di Quentin Tarantino.

Risoltomi a fare di necessità virtù, sorseggiai lo “screwdriver” perfettamente mescolato e notai che Archibald si manteneva a notevole distanza, situazione che mi impediva di poggiare il tumbler oramai vuoto sul vassoio che sosteneva con la mano guantata. “E cè facime – esclamai un po’ stizzito, passando dal dialetto di Oxford a quello del Borgo – tu te stè, ije me stoche, nint’ me dè e nint’ te doche!” ("Cosa facciamo. Tu stai [fermo] io sto [fermo], niente mi dai e niente ti do"). Archibald sbarrò gli occhi senza peraltro profferire verbo, dimostrando comunque con una inequivocabile mimica facciale che gli sfuggiva il senso ultimo del mio distico in doppia rima baciata.

Ultimo aggiornamento ( lunedì 21 gennaio 2013 )
Ligg u rest...
 
IL MONUMENTO AI MARINAI, UNA POSSIBILE ANALISI SIMBOLICA
L'ha scritt Carlo "U sinnache"   
giovedì 03 gennaio 2013
 Come evidenzia Umberto Eco ne “Il pendolo di Foucault” quando uno dei personaggi dettaglia le simbologie numerologiche di un chioschetto stradale, così esemplarmente riassunto nella constatazione che “Quando sai la risposta, è più facile pensare alla domanda”, ammesso e non concesso che sia volontario e non casuale che gli arti dei marinai compongano effettivamente le lettere W ed M, diverse sono state le ipotesi che si sono confrontate sul significato di questa simbologia.


Occorre dire che già più di un decenni fa la migliore “intellighenzia” tarantina apostrofò duramente l’uso e l’abuso di grafemi/fonemi quali "x", "y", "w", "k", non riconosciuti dalla ortodossia linguistica italiana e tampoco tarEntina (si veda in proposito la Ordinanza Sindacale n. 1/2001 )

Pur ammettendo quindi che uno dei monumenti simbolo di Taranto, proprio quello che saluta le genti straniere in arrivo e quelle sorelle in partenza, utilizzi una lettera che è aborrita dai migliori cervelli ionici, non vi è – dicevamo – concordanza sulla interpretazione del breve ma pregnante acronimo.
Ultimo aggiornamento ( giovedì 03 gennaio 2013 )
Ligg u rest...
 
POTENZA – TARDE NUESTRE = 2 A 0…LE UÁJE D’A PEGNÁTE LE SÁPE ‘A CUCCHIÁRE
L'ha scritt Aldo XP "Diecipalazzine"   
lunedì 22 ottobre 2012

 E ce jéééééé? Ste’ qualche ccóse ca no’nge me convìnge. ‘Sta squàdre téne qualche malatíje. Ste’ quàlche ccóse ca no’nge fàsce sta scuscetáte le uagnúne. Ce sàcce! Quàrchedune ca ste jènghie le rècchie a qualche sciucatóre. Mah! Quàrche sèrpa fràcede ca no’nge vo’ ccu sparìsce. Accussì me páre a mme’! Áme fàtte ‘na bèlla fegúre de m……… súse a Rai Sport. N’avíme fàtte fa’ fèsse púre da ll’ùrteme d’a clàsse. Quèste jé vàrche ca  ‘no s’addrèzze. 

Ligg u rest...
 
A Madonna sape a ‘cci porta l’orecchine
L'ha scritt carlo "U Sinnache"   
giovedì 04 ottobre 2012

 Ero nella sala da musica ubicata al piano rialzato della mia affatto modesta magione in un pigro sabato pomeriggio autunnale, intento ad ascoltare “23° North and 82° West” dell'orchestra di Stan Kenton.

Il titolo del brano evidenziava latitudine e longitudine dell'Avana, capitale di Cuba, annunciando l'esplorazione dei Caraibi e dei loro ritmi esotici in un brano che, nonostante i decenni passati non aveva perso niente del suo smalto.

Un lieve scalpiccio mi annunciò l’ingresso di Archibald, il mio canuto maggiordomo, che veniva a portarmi il bicchiere di rum che gli avevo chiesto per meglio calarmi nella atmosfera caraibica del brano musicale.

Ligg u rest...
 
<< Inizio < Prec 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pross. > Fine >>

Risultati 1 - 31 di 637
Cr'stian online:
Get Firefox!
Ce timb stè face?
Tardnuestr
---
Scanzavirus Avast!
avast! Home

 
Top! Top!