Home arrow Cultura arrow I grandi classici arrow San Martino, corna e poesia
sabato 11 luglio 2020
 
 
San Martino, corna e poesia PDF Stampa E-mail
L'ha scritt carlo usinnache" caprino   
venerd 11 novembre 2005

Come forse molti di voi sapranno, l'11 novembre si dice sia la festa di coloro con bovi ed alci condividono, metaforicamente, le appendici cornee a causa della scarsa fedeltà delle loro compagne.
La data sembra scelta perchè espressa numericamente (11 11) sembra simboleggiare le corna ma non è un caso che in questo periodo, tra la fine della vendemmia e l'inizio della raccolta delle olive, in una società prettamente agricola come quella di qualche decennio fa, gli uomini trascorressero molto tempo fuori casa e le rispettive consorti avessero modo e motivo di trovare altrove i sollazzi negategli dal legittimo consorte.

Per distinguerlo dagli altri, chi aveva motivo di celebrare questa ricorrenza usciva per strada indossando la giacca "alla smerza" al fine di farsi chiaramente identificare, in una sorta di consapevole gogna mediatica. L'usanza del girare la giacca "alla smerza" (al contrario) si dice sia scaturita dalla rapida fuga di un amante clandestino che, visto ritornare in anticipo il marito della sua bella, fuggì da una finestra rivestendosi in tutta fretta e indossando, appunto, la giacca al contrario, suscitando curiosità ed ilarità nella pubblica via.
Si racconta di un marito dubbioso che, in questa occasione, chiese alla moglie se dovesse o meno indossare la giacca in tal guisa e che questa, discretamente ma non troppo rispondesse: "Sà ce stè? A precauzione girala, no' sè sape maje!"
Ma, approfittando dell'occasione e grazie al contributo di Francesco Romano, ci piace ricordare un altro "San Martino", ovvero una zona della Taranto vecchia evocata nella poesia di Erato Gregorio Andriani che proprio il 25 di questo mese verrà commemorato con l'affissione di una targa sul palazzo dove era nato 100 anni fa in via Cava a Taranto vecchia.

S. Martine
'M mienza a 'nu làrie stèje 'na fundane,
do' casarèdde andiche atturne stonne...
'Na vicchiarèdde cu' 'na zrole 'n mane
e do' piccinne ch'a' perdute vonne.

'Nn' otra cristiane mòzzeche do' fave
'nnànze a 'u gradone sott 'a portesoje;
cu' limme 'na 'uagnèdde te ste' llave
e, le 'uagnune fànne 'nu fanoje.

'Na femenàzze siende de candare
'nu vècchie riturnèlle: Aih - uè -lije...
e 'nn 'otre chiànge pe' le pène amare...
Jè quiste 'u Rione addò' hàgghie nate ije.

Ultimo aggiornamento ( domenica 13 novembre 2005 )
 
< Vid quidd d'apprim.   Vid 'nnotre. >
 
Top! Top!