Home arrow Cultura arrow Vecchi ricordi arrow 'Nduvenijedde tarandine
domenica 29 marzo 2020
 
 
'Nduvenijedde tarandine PDF Stampa E-mail
L'ha scritt Carmela "Jatta acrest'" & Cataldo "Dieci Palazzine"   
domenica 29 luglio 2007
 ’Nduvenate ‘u ‘ndevenature!”  - Queste le parole  che i nostri nonni pronunciavano prima di iniziare  un indovinello.  E ricordando ricordando ne  riproponiamo qualcuno:

‘U ficche ‘a sere e u’ jesse ‘a matine.

 (lo ficco quando è sera e lo esco quando è mattina)

 

(‘u varrone – il chiavistello – ossia quel pezzo di ferro che scorrendo tra gli anelli conficcati nelle ante delle porte o delle finestre ne impediva l’apertura. - )

Fuscènne fuscènne, ficcànne ficcànne!
(correndo correndo, ficcando ficcando)

 

(la chiave nella serratura)

Quanne se càle è sempre toste quanne se càcce e sempre mosce!
(Quando la calo è sempre dura, quando la esco è sempre moscia)

 

(la pasta)

Similmente:

‘U Sckaffe  tise tise, e ‘u jesse musce musce!
(entra teso teso, esce moscio moscio)

 

( ‘u maccarrone  - o il biscotto)

Ci ‘a tire, scurtesce, ci no ‘a tire, ijè longa.
(se la tiri si accorcia, se non la tiri è lunga)

 

(la sigaretta)

Cì u' vide ... è brutte,
cì l'adduèr' fète,
cì l'assàgge tuèrne arrète
(Se lo vedi è brutto, se lo annusi puzza, se lo assaggi torni a mangiarlo)

 

(il formaggio )

Da nànze se scurtèsce
da rète se 'lunghèsce
(davanti si accorcia, dietro si allunga)

 

(la strada)

Tutt' sò capace cù l'apren ma nesciun cu u chiude
(tutti son capaci di aprirlo, ma nessuno a chiuderlo)

(l’ove)

'U Manzignore 'u tene rosse,
ste su 'a carne e suse a l'osse;
su tene care care,
e 'a notte 'u strenge 'mmane!
(Il Monsignore ce l'ha rosso,
sta sulla carne e sopra l'osso;
se lo tiene caro caro,
e la notte lo stringe nella mano!

 

(L’Anello benedetto)

Ci Djie vò e a Madonna permette
a femmene ‘a dè e l’ome a mette.
(Se Dio vuole e la Madonna permette, la donna la da e l’uomo la mette)

 

(la fede nuziale)

A nà finestredde
stè 'ffacciata nà vicchiaredde
e quanne le cotele u' dente
s'avvicine tanta gente
(a una finestrella è affacciata una vecchierella,
e quando gli dondola il dente, si avvicina tanta gente)

 

(la campana)

Quante cchiù grosse a porte l'ome
Tante cchiù megghie se scarfe a' femmene
(Quanto più grossa la porta l’uomo,
Tanto più si riscalda la donna)

 

(‘a sàrme dopo la potatura degli alberi,  fascio di rami di ulivo detti ‘a stroma – oppure ‘a fascine,  fascio di tralci di vite – ambedue utilizzati per accendere il fuoco durante l’inverno)

 

Scènne ridènne ... 'nchiàne chiangènne!
(scende ridendo e sale piangendo)

 

(il secchio – quando scende nel pozzo è vuoto e col rumore della carrucola sembra che ride, poi quando sale pieno di acqua e grondante sembra che piange)

Tegne a 'u cendre na spaccazze,
ci me sfutte no' me' ngazze;
ci pero' me gire 'a cape,
'u sckiaffe indre, e no' m'arrape!
(Tengo al centro una fessura,
se mi sfotti non mi arrabbio;
se però mi gira la testa,
lo metto dentro, e non mi apro!)

 

(la vite)

Nò tene vòcche e parle cù tutte,
nò tene pièd' e pò girà tutt'ù munne!
(non ha bocca e parla con tutti, non ha piedi e può girare tutto il mondo)

 

(la lettera)

"Diciteme, bedde uagnedde,
quanne ve trase ve face delore;
quanne po' ha trasute, quedda facce de'mbise,
lasse fore le contrappise!"
(Ditemi, belle ragazze,
quando vi penetra vi provoca dolore;
quando poi è entrato, quel cattivo,
lascia fuori i pendagli.)

 

(l’orecchino)

"Quanne te l'hagghje 'mbelate e te duleve, piccè no' m'u diciste ca je l'asseve?"
(quando l’hai infilata e ti faceva male, perché non me lo hai detto che io la toglievo?)

 

(la scarpa)

"'U ficche fridde e jesse cavete!"
(Entra freddo e esce caldo)

 

(il termometro)

Cu' nu' dicete shkaffate 'ngule ve' camenanne
(con un dito infilato dietro, va camminando)

 

(il ditale)

Ultimo aggiornamento ( gioved 09 agosto 2007 )
 
< Vid quidd d'apprim.   Vid 'nnotre. >
 
Top! Top!