Home arrow Societ e costume arrow Aneddoti arrow LO SCONTRINO PARLANTE N mirachele alla mte, alla srde e alla cecte...
venerd 20 maggio 2022
 
 
LO SCONTRINO PARLANTE N mirachele alla mte, alla srde e alla cecte... PDF Stampa E-mail
L'ha scritt Carmela "Jatta acrest'"   
luned 03 settembre 2007
 L'altro giorno in farmacia un signore anziano consegna la ricetta, la farmacista gli chiede:
<Ha la Tessera Sanitaria?>
<No>
<Ha il Codice Fiscale?>
<None signorì. Jie l'asme tènghe, perciò vengh'a pigghie ste medecine ogne vote! Ca tu u se ca jie tenghe pure l'ascenzione pe no pajà u tic!>
<Si, si lo so. Ma se non mi accerto del codice fiscale, non posso darle le medicine!>

<Naaa! Ogni vote stè na nuvità! Mo c'è cosa nove è quest?  Pe te purtà a tessere o ù codice hagghia scè vedè  a case, ci l'acchie! Mò m'ha fà fà 'nanze  e rete? Ca jie no me mantenghe deponte....e cu stu càvete me sènde venè mène... e voche pure zuppecànne ca m'ha venute pure a sciànghete... mannagghie a vicchiaie! Ca mò agghie fatte pure a domande p’a penzione de ‘nvalidità, ca l’uecchie manghe m’accumbagnene cchiù… m’hanne ditte ca l’agghie avè ca le solde l’hanne già distanziate, ma pe mò angore niente…>
La farmacista dopo aver ascoltato pazientemente le sue vicissitudini, risponde:
<Lo so, ma non dipende da me. Mi dispiace,  Dobbiamo farlo per legge......>
Intervengo, cercando di spiegargli:
<Si, il codice fiscale serve, perché lo devono scrivere sullo scontrino, altrimenti l'anno prossimo le spese mediche non ve le potete scaricare sulla dichiarazione dei redditi...sul settequaranda…Il nuovo scontrino si chiama SCONTRINO PARLANTE proprio perché deve dire le medicine che vengono comprate e chi le compra, perciò deve riportare il codice fiscale dell'assistito, le quantità e il nome del medicinale acquistato...tutto questo contro gli evasori... per evitare gli imbrogli... E siccome tutto questo da gennaio dell’anno prossimo è obbligatorio, le farmacie devono già cominciare a registrarsi tutti i dati che servono...>
Mi fermo compiaciuta perché mi accorgo che mi guarda soddisfatto, assorto e interessato, con gli occhi socchiusi per focalizzare meglio il nuovo concetto.
Le parole "detrazione"... "deduzione"... "scaricare" .... "esenzione"... sono parole magiche ...
So di averlo convinto perché appena gli fai capire che è un modo per pagare meno tasse, uomini e donne, giovani e vecchi, "alfabet' " o "cu le scole jirte", capiscono tutti al volo.
Dopo un attimo per metabolizzare, mi chiede: <… Scontrino parlante?...>
ed io: <Si...>   
e lui continuando:<... obbligatorio per legge...>
ed io:<Si (???)>
e lui concludendo:  
Nel frattempo in farmacia si è formata la fila…e guardando le mani del mio anziano interlocutore mi accorgo che da una tasca del portafoglio si intravede una tessera verdognola e chiedo indicandola:
<Scusi, ma quella carta che si intravede…per caso non è il codice fiscale’>
Lui apre il portafogli e con suo grande stupore, e con nostro grande sollievo, estrae il tesserino del  codice fiscale, non la scheda in plastica, ma il primo tesserino, quello di carta …
Ormai quelli scampati ai lavaggi in lavatrice sono un vero cimelio…
Consegnato il codice fiscale, finalmente la farmacista consegna la bustina con le medicine e lo scontrino, lui prende lo scontrino e me lo porge dicendo: <Signorì  ma qua mò ste u’ codice fiscale …>
Io gli dico…<No, non ancora, perché devono prima memorizzarli tutti e poi dall’anno prossimo ci sarà scritto anche il codice fiscale>
e lui…
<Allore stu scontrine E’ MUTE ancora!!! – Tutte stu maggistère pe niente! Ma diche jie, invece de ‘ncapunirse a fa mirachele pe fa parlà nù pizzittìne de carte....nò ponne parlà megghie cu se facene capì da tutte....invece de fà le cose alla mute, alla surde e alla cecate?!!!>

E dopo tutte le malesànghe fatte in coda aspettando il turno, una risata collettiva ci voleva proprio!
Ultimo aggiornamento ( marted 04 settembre 2007 )
 
< Vid quidd d'apprim.   Vid 'nnotre. >
 
Top! Top!