Home arrow Novit arrow Lettere arrow Panarieddi
mercoled 07 giugno 2023
 
 
Panarieddi PDF Stampa E-mail
L'ha scritt Piergiorgio   
luned 02 agosto 2004
Mattina di estate calda e afosa, una coppia di operai sta scavando una trincea abbastanza profonda in zona Bestat per la posa di tubazioni; sul ciglio dello scavo una coppia di ragazzini dell'apparente et di 11-12 anni, con tutte le caratteristiche dei panaridd'. Stanchi della muta osservazione, uno di loro si rivolge agli operai dicendo: "E 'cc st acchiat' u tesor add sott' ?" In qualunque altra parte del mondo, l'operaio avrebbe fatto finta di niente in quanto teoricamente pi adulto e maturo, quindi paziente; qu no, ed uno di loro si rivolto al ragazzino rispondendo in tono poco cortese "NO, st cercam' u piccion'd'mammt !" risposta che di per se qualifica il mittente e che, soprattutto dal tono, avrebbe indotto chicchesia ad una rapida fuga o quantomeno al silenzio. Niente di tutto questo, u panaridd' coglie la palla al balzo e rapido risponde "E st bbuen' a scav fin all'Tamburr'" provocando la mia reazione prima ilare e
poi commossa, nel vedere ancora una volta affermato nelle giovani generazioni lo spirito che animava i nostri antenati (va notato che, per inciso, la provenienza del ragazzino non poteva che essere dell' "oltre ponte di pietra" e che, nonostante la giovane et, si trovava praticamente dall'altra parte della citt, cosa che la dice chiara sulla sua autonomia di movimento).
 
< Vid quidd d'apprim.   Vid 'nnotre. >
 
Top! Top!