Home
mercoled 21 ottobre 2020
 
 
 
U trauleche PDF Stampa E-mail
L'ha scritt Pepp' Nesta   
mercoled 30 aprile 2008

 Al citofono: “Chi è?” ... “Buongiorno signora, sono Peppino, l’idraulico per la pompa!”
“Nà, nà Rino, vide tù ci jete, ... Peppino ù traule p’à pompe! ... ma tu l’è chiamate?”
“Peppino ù trauleche ... ‘gnoranda! ... sì sì, l’ho chiamato io a Peppino, che la pompa fa un rùscito strano! ...  ‘nghiane ‘nghià Peppì, ti stò aspettando! ... ù traule ... ma accome te dice à cape ... ‘gnorande!”
Tre piani a piedi con la borsa degli attrezzi a tracolla e Peppino arriva dietro la porta, una squillata di campanello ... e l’abbaiare del solito cagnetto volpino rompi...
“Buongiorno signor Rino, come state?”
“Ciao Peppino carissimo, trase trà, io stò bene ... mò jete à pompa cà s’ha uastate ... cèssacce face un rùscito strano, come se da un momento all’otre si deve ... spaccare in quattro!”
“Eeeh ... addirittura spaccare in quattro, ... però signor Rì ... attaccate ù càne a quarche vanne, oppure chiudetelo in quarche camera.”
“Stai tranquillo mest’ Peppì, lo sai che non fà niente, ... è di famiglia e vuole bene a tutti, ... abbaie solamende ma non si butta!”
“E lo sò che non si butta  ma si conserva, però ... “
“Com’è Peppì? ... nonge hagghije capite!”
“Nijnde nì, ... comungue chiudetelo nella camera!”

“Vabbè và, aspitte nù picche ... vieni quì bello de papà tue ... che mest’ Peppino deve lavorare che debe ‘ggiustare la pompa dell’aqqua ... ah .. belle ù piccinne mie ... statte aqquà e nò tte movere! ... puè trasè mest’ Pè ... la strada la canuscie!”
Peppino entra ed incrocia la moglie del sigor Rino “Buongiorno signora, come state?” ... “Buongiorno Peppino, cà mica t’aveve accanusciute, ... quidde rembambite dè mariteme manghe m’aveve avvesate ... ... ma com’hagghija ffà cu quidde ... ha studechite ... cù quidde cane ...”
“Nò vve preoccupate signò, ... invece vostro marito è simpaticissimo, nò mangamente parlando della signorìa vostra ... beh faciteme scè fadià ... con permesso...”
Peppino esce sul balcone e si dirige verso il gabbiottino in alluminio che contiene il serbatoio di riserva acqua e la pompa, appoggia la borsa degli attrezzi per terra e comincia a fare una diagnosi del problema rumorosità.
Purtroppo non si avvede dell’avvicinarsi del cagnolino ... appena si pone in una posizione simile ai novanta gradi per prendere degli attrezzi dalla sua borsa, il cagnolino ... (m.l.m.s.*) sferra un morso sul fondoschiena del malcapitato e comincia ad abbaiare … con un sussulto di spavento Peppino chiama il signor Rino ...
“Mudù signor Rì ... signò Rì … ù muezzeche m’ha terate … stu figghije …. ù muezzeche ....”
“Peppìno ... che mi stai dicendo ... nonge pò essere, ... jè imbossibbele ... nò l’ha fatte maje ... che questo vuole bene ‘a tutte quande ... jè buene come ù pane .... “
“Jè buene cù ù pàne ... e cùlle patane ... fatte aù furne! ... signor Rì ... vè stoca diche ca m’ha muzzecate ‘ngule!” ...
Il signor Rino, rivolgendosi al cane mentre lo trascina per la collottola dentro casa gli comincia a parlare: “Che hai fatto a Peppino ... disgrazziato, che quello è amico nostro ... non lo fare più è capite ... è capiiiteee ...  mò statte aqquà ... delinguende che non sei altro ... statti aqquà a papàje ... nò te scè muvenne e lasse fatjà aù cristiane!” ...
La moglie allarmata esce sul balcone: “Scusa mest’ Peppì ... je diche cà ù càne ha studechite come aù patrune!” ...
Peppino: “Mè signora, ... nò fface nijnde, ... basta cà nonge avene chiù e me face fadià!”
Sig. Rino: “Stai tranguillo adesso Peppì, ... l’ho rimbroverato e secure cà nonge avene chiù aqquaje!”
Mentre Peppino riprende il suo lavoro, molto silenziosamente il volpino si avvicina ... prima si sofferma ... poi comincia ad annusare gli attrezzi, poi gli passa ripetutamente tra le gambe e davanti, ... poi improvvisamente alza la gambuccia e fà come per pisciare sulla borsa degli attrezzi ...
Con disinvoltura  Peppino infila la mano nella sua borsa ed afferra il martello inflilandolo tra il dito medio e l’anulare, lasciando il manico dello stesso a mò di bastone .... improvvisamente “STOCKK” ... una legnata secca secca sul cranio del volpino che con un guaito continuo corre verso il suo padrone dentro casa.
Il signor Rino allarmato: “Che è successo? Che cosa ti sei fatto? ... naaa piccè stè chiange ù piccinne dè papàje ... Peppì ... che è successo?” ...
“Non lo sò signor Rì ... me sape ca ha sprusciate e forse ha azzuppate ‘a cape ... forse! ... ma comungue chiedete a lui ... visto ca vè parlate tutte e doje!”
E la moglie: “Onestamende Peppì ... sperave cà l’avive date tù nà mazzate ‘ngape ... accussì almene metteve nù poche dè giudizzie ... e ci ù sisteme funzionave, pò le dave nà mazzate je ‘ngape aù patrune sue ... cà ci sape ....!!”


*(m.l.m.s.) = mocc'alle muerte sue!

Ultimo aggiornamento ( luned 05 maggio 2008 )
 
< Vid quidd d'apprim.   Vid 'nnotre. >
Cr'stian online:
Get Firefox!
Ce timb st face?
Tardnuestr
---
Scanzavirus Avast!
avast! Home

 
Top! Top!