Home
sabato 26 settembre 2020
 
 
 
Alanghe de Catvete PDF Stampa E-mail
L'ha scritt Aldo "Diecipalazzine"   
luned 05 maggio 2008
 Una mia storiella semiseria per ricordare che si avvicina la festa del nostro Santo Patrono: Alanghe de Catàvete… questa frase lo aveva sempre accompagnato sin dall’infanzia, ogni volta che qualcuno si trovava a  redarguirlo per un comportamento irriguardoso… e Catàvete “irriguardoso” lo era sempre stato, la sentiva ripetere.
Era rientrato in città proprio per la festa patronale e pe scè a pparlà a quattr’uecchie cu San Catàvete (per andare a parlare di persona con il Santo).
Il sole era già cocente ma lui nel pieno rispetto del comandamento tradizionale “a San Catàvete pàsse ‘u frìdde e avéne ‘u cavéte” (a San Cataldo passa il freddo e viene il caldo) indossava ancora la maglia interna di pura lana…nemmànghe quèdde cotone sulla pelle e lana da fòre…nòne! Ma quèdde de lana grezza (ma non quella cotone sula pelle e lana fuori ma quella di lana grezza) ca ce a mettìve‘ndèrre remanéve all’impiede. (che se la mettevi a terra restava ritta per la rigidità).
Questa sua abitudine di dismettere gli abiti pesanti soltanto dopo il 10 maggio derivava dalla rigida educazione ricevuta in famiglia. Quando  sua madre, appunto in quella data, asséve da indr’alle teratùre de le candarane e da indr’alle cascettùne (usciva dai tiretti e dai cassettoni) gli indumenti leggeri si poteva finalmente andare in giro più liberi.
Il ricordo della mamma che lo rincorreva dopo avergli fatto il bagnetto  lucculànne appunto: alanghe de Catàvete (srillando all’anima di Cataldo) lo intenerì e si rivide quando nudo, come un verme, veniva catturato, messo seduto di forza sul tavolo della cucina, spolverato abbondantemente di boro-talco Roberts e ingabbiato proprio in quel cilicio chiamato maglia di lana che ancor’oggi lo tormentava. E così rimembrando giunse al cospetto del Santo.
Si segnò velocemente e venne subito al dunque: SanCatà! disse convinto, ma ce stè cumbìne? Aqquà jè ‘nu ruète…ma pàre probbje ca no te ne stè fùtte cchiù nìnde de Tarde nuestre…Ce jè?  (qui ormai è un disastro, sembra proprio che non ti sta più a cuore la sorte della nostra città, cosa c’è?)
San Cataldo pazientemente e  dopo un silenzio imbarazzato gli rispose:Uè Catà! Ma ce vve acchiànne osce? Cu ccè càpe te n’hè venùte? Aqquà vuje facìte le casìne e je l’hagghja addrézzà? (Cataldo ma cosa cerchi oggi? Con quale idea sei venuto? Voi fate i disastri e io devo sistemarli?) Quànne venìte nnanz’a mme parìte tutte santarìdde po manghe mettìte ‘a fàcce fòre ‘u purtòne  d’a Chiesije facìte quìdde e ll’otre! (quando venite qui sembrate tutti santi e poi appena mettete il naso fuori dalla chiesa continuate a peccare ulteriormente).
Il Santo evidentemente alterato continuò: Mò stè arrìve ‘u ggiùrne d’a prucessiòne e ce me vè fùtte ‘a càpe st’anne nong’esche probbje (sta arrivando il giorno della processione e se mi girano quest’anno non esco proprio). Me lassàte aqquà indre pe n’anne sàne sàne, e po abbuène abbuène me sckaffate sùse ‘o trerròte e me purtàte mmiènze a mmàre… ca me facìte ‘mpagghja cu tutte quidde vìnde (mi lasciate qua per un anno intero e poi all’improvviso mi mettete su un carro, mi portate in mezzo al mare e puntualmente mi fate raffreddare) Me facìte le fotografje ca manghe ci eve na rock star,  le pulitechese ca me tocchene cu le stèsse màne ca arrobbène…. tanda ammuìne e po? Me sckaffàte  n’otra vòte aqquàne e ci s’ha viste, s’ha vviste! (mi fotografate come non si farebbe nemmeno ad una rock star, i politici mi toccano con le stesse mani che usano per sperperare denaro, tanto movimento e poi? Mi rimettete al mio posto e arrivederci!)
Cataldo intimorito dalla  foga del Santo e sudando sempre più, anche a causa della maglia di lana, replicò: Vabbè SanCatà! Ce te stè ‘ngàzze accussì? Ca nìnde hagghje ditte! (Va bene San Cataldo, perché ti arrabbi così? Non ho mica detto chissà che) e come risposta ebbe un laconico: Mè vìde ce te ne vè mo! (adesso vattene) che lo atterrì.
Supinamente si segnò e prese la via del ritorno ma ad un tratto con coraggio si girò ed ebbe la forza di chiedere: SanCatà piccè me stè ccacce? (San Cataldo perché mi cacci?)
Il Santo sorridendo sornione rispose: Piccè te stoche a cacce?... me lo chiedi pure?...Accussì te ve llìve quèdda maglie de làne ca è ‘mbestàte tutt’a chiesije Catàààààààààà! (così ti vai a togliere quella maglia di lana che hai maleodorato tutta la chiesa) …

Alanghe de Catàvete

Ultimo aggiornamento ( luned 12 maggio 2008 )
 
< Vid quidd d'apprim.   Vid 'nnotre. >
Cr'stian online:
Get Firefox!
Ce timb st face?
Tardnuestr
---
Scanzavirus Avast!
avast! Home

 
Top! Top!