Home arrow Cultura arrow Vecchi ricordi arrow ‘U mučrse d’u pellegrine”
giovedě 19 settembre 2019
 
 
‘U mučrse d’u pellegrine” PDF Stampa E-mail
L'ha scritt Carmela "jatta acrest'"   
martedě 26 agosto 2008
 "‘U muèrse d’u pellegrine” è un commento riferito a persone che con furbizia fingono mestizia per raggiungere i loro scopi e ottenere il risultato opposto.Questo detto infatti nasce da un episodio avvenuto a Taranto nel 1502 quando la Città vecchia , allora chiamata la Rocca, fu assalita dai francesi di Ludovico d’Ormignac, vicerè dei francesi, che voleva impadronirsene. Si racconta che un capitano francese  cercò di porre fine al lungo e sfiancante assedio, agendo d’astuzia. Indossò i panni di un povero pellegrino che si recava a pregare San Cataldo e in questo modo riuscì ad entrare nella Rocca, ma anziché  dirigersi verso la Cattedrale, andò al Castello per cercare di usurpare la postazione agli spagnoli. Ma i tarantini, fedeli a Re Ferdinando il Cattolico , si accorsero dell’imbroglio e lo fecero arrestare. …Credo esclamando proprio la frase: “’U muèrse d’u pellegrine!
 
< Vid quidd d'apprim.   Vid 'nnotre. >
 
Top! Top!