Home arrow Cultura arrow Vecchi ricordi arrow 10 Maggio: San Cataldo
giovedý 19 settembre 2019
 
 
10 Maggio: San Cataldo PDF Stampa E-mail
L'ha scritt carmela "Jatta acrest'"   
lunedý 11 maggio 2009

 Il 10 maggio si ricorda San Cataldo e Taranto e i tarantini già da venerdì scorso festeggiano  il loro Patrono.
C’è chi aspetta di partecipare a   “u’ prègge”    chi  di vedere la Statua,  la processione a mare,  i fuochi d’artificio al castello, le bancarelle nella città vecchia per comprare  “cupète, nucèdde e   fisckarule”.

Ma mai come quest’anno i tarantini hanno atteso la festa del loro Santo Patrono per poter finalmente festeggiare il caldo e la bella stagione dopo un autunno e un inverno uggiosi e piovosi come pochi ricordano.
Spontaneo chiedersi cos’ha a che fare San Cataldo col tempo?

Non lo so, probabilmente niente, ma per i  tarantini è una certezza confermata da vecchi proverbi, come il famoso :
“De san Catavete se ne vè ‘u fridde e avene ‘u cavate”
che rassicura sull'inizio della bella stagione, e il meno conosciuto:
“ ce de masce no’ arrive l’otte no’ te scè luànne cappidde e cappotte ”
che sconsiglia di non riporre i capi invernali prima dell'8 maggio, perchè il tempo anche se mite è sempre soggetto acambiamenti repentini.
Per i cataldiani, la festa di San Cataldo è l’appuntamento con l’estate.
Per tradizione dopo la processione a mare, nelle case le donne preparavano le cangiàte, tirando fuori da teratùre, candaràne,  càsce e cascettùne,  le robbe de cuttòne, p'arrepà le robbe de làne .
Per il 10 maggio, con qualsiasi tempo, tutti indossavano abiti estivi:  cazùne de line e vunnèdde pe scè a’ Chiazza Granne (Piazza Fontana) pe scè sendere le bannìste su a' cassarmòneche.

Carmela, ‘ tacche Bastià

Ultimo aggiornamento ( giovedý 21 maggio 2009 )
 
< Vid quidd d'apprim.   Vid 'nnotre. >
 
Top! Top!