Home
gioved 21 marzo 2019
 
 
 
Je com' a pell' d' a pizza PDF Stampa E-mail
L'ha scritt carlo "U Sinnache"   
mercoled 13 luglio 2011

 La non improbabile presenza di lettrici di sesso femminile mi ha spinto a riflettere sull’opportunità di proporre quanto segue ma poi l’animo cozzaro ha avuto il sopravvento ed ecco una espressione un po’ hard che porto all’attenzione dell’inclito pubblico: “JE COM’ A PELL’ D’ A PIZZA” (assomiglia alla pelle del pene) che definisce una situazione che si svolge in maniera altalenante senza far prevedere definizioni a breve termine.

Esempio:

“Ma Piero ste ancora fidanzate cu Anna?” (Ma Piero è ancora fidanzato on Anna?)

“See, stu fatte je com’ a pell’ d’ a pizza, nu picche se pigghiane e nu picche se lassane!” (See, questa relazione è come la pelle del pene, un po’ si prendono ed un po’ si lasciano).

L’indeterminatezza di una situazione è parallelata alla estrema variabilità di volume dell’organo genitale maschile (rappresentato qui dal suo “involucro” esteriore) che assume nel tempo consistenza e dimensioni assai diverse in funzione degli accadimenti contingenti.

Corre l’obbligo di chiosare un altro detto che ha diversi punti di contatto con il precedente: “A VITA JE ACCOME NA SAJONGA, A CCI A TENE CORTA A VOLE LONGA” (La vita è come una sajonga, chi la ha corta la vuole lunga).

Qui la filosofia tarantina unisce il sacro ed il profano accostando l’universale desiderio di una esistenza lunga e felice con la voglia, tutta maschile (?), di una virilità prorompente ed “imponente” (la “sajonga” è un eufemistico termine con cui si suole indicare il sesso maschile).

 
< Vid quidd d'apprim.   Vid 'nnotre. >
Cr'stian online:
Get Firefox!
Ce timb st face?
Tardnuestr
---
Scanzavirus Avast!
avast! Home

 
Top! Top!