Home arrow Educhescional arrow Personaggi di quartiere arrow Salvatore Gigante...
lunedý 28 settembre 2020
 
 
Salvatore Gigante... PDF Stampa E-mail
L'ha scritt Piergiorgio   
giovedý 02 settembre 2004

Dalla Mailing list di TarantoNostra

Mustaki non c'Ŕ pi¨
by girolamo Wednesday September 01, 2004 at 10:41 AM mail:

E' morto un vecchio compagno di Lotta Continua, Salvatore Gigante, a tutti noto come Mustaki.

Salvatore Gigante, noto a tutti come Mustaki per la somiglianza con un vecchio cantante d'altri tempi, non c'Ŕ pi¨. Un altro pezzo importante della vecchia Taranto Ŕ scomparso.


Era figlio di un pescatore comunista,un prodotto puro della CittÓ Vecchia. La militanza politica lo aveva strappato a un destino giÓ predeterminato dalla miseria e dall'ignoranza, e come lui molti figli della Taranto pi¨ autentica. La sua straordinaria forza fisica,e la sua innata generositÓ, avevamo costruito una leggenda attorno a quest'uomo semplice e un po? ingenuo.

Capace di sollevare a due mani una moto Guzzi per scommessa (posta in gioco: una cassa di birra Raffo), era stato membro del servizio d'ordine di Lotta Continua, istruito alle arti orientali da un piccolo maestro vietnamita.

A Reggio Calabria, nel 1970,durante la grande manifestazione per il Sud, incapace di reggere alle provocazioni dei fascisti che dai vicoli tiravano qualsiasi cosa sul corteo sfond˛ il cordone di protezione del sindacato, si tuff˛ da solo in un vicolo e ne uscý come dal saloon di un western, pulendosi le mani dalla sporcizia.

Lo ricordo una sera in cui un ragazzo molto sciocco si era messo a scherzare con un sacchetto di origano, e un giovane poliziotto aveva improvvidamente frainteso il sacchetto e tirato fuori la pistola: gli amici dello sciocco accorrevano, la situazione stava per degenerare , Mustaki la risolse a modo suo, sollevando di peso il poliziotto e portandoselo in questura.

Sempre in prima linea, anche troppo. Un pomeriggio un noto picchiatore fascista (in seguito asceso ai vertici della politica locale)si present˛ davanti alla sezione di LC armato di pistola: Salvatore si scaravent˛ fuori con un piccone, inseguý a piedi il tomo che era fuggito in macchina, e raggiuntolo gli piant˛ il piccone sul cofano. Anche per questo cercarono di farlo fuori: un accoltellatore di mestiere, chiamato a Taranto dai fascisti locali, durante una manifestazione contrapposta gli rifil˛ alle spalle una coltellata a occhiello tra le costole: una costola pi¨ su,e per Salvatore era la fine. La fine della grande politica lo lasci˛ spiazzato, senza punti di riferimento, ma col solito carattere di sempre.

Una sera, in un locale appena aperto, fecero l'errore di servirgli delle penne condite con una improbabile salsina panna-pomodoro guarnita col prezzemolo: entr˛ in cucina, scaravent˛ fuori il cuoco e si mise a cucinare lui, per tutti. Era un gran cuoco, e cerc˛ il mestiere. All'Isola perduta i suoi piatti di pesce fecero la fortuna della locanda talsanese; ma i suoi colleghi parlavano di gestione, di bisnýss, Salvatore non era tipo da sottostare a regole, men che meno sul non bere durante il servizio: non si divertiva pi¨, and˛ via, l'Isola Perduta decadde e morý. Per tre anni non lo si vide in giro, poi torn˛: era stato a Lima, in Per¨, dove aveva fatto il cuciniero. Il ristorante? Isla perdita! Amava viaggiare, senza sapere le
lingue, ma col suo universale dialetto tarantino si faceva capire ovunque,dal Sud America alla Grecia. Portava sempre con se una boccetta di liquido scuro, un olio prodotto dai vecchi pescatori di cui ormai pochi conoscono la ricetta: un medicinale prodigioso, cicatrizzante e al tempo stesso disintossicante. Lo us˛ per curare un bambino in Grecia, e un medico locale se lo fece regalare.

Dicono che avesse pianto solo due volte: quando si sciolse Lotta Continua, e quando un militante del PCI gli diede del fascista. Io lo ricordo in lacrime un?altra volta, per amore di una donna che non lo meritava.

Aveva un cuore grande come il suo corpo. Se un cielo esiste, lo accoglieranno a braccia aperte, e gli daranno una griglia da pesce e birra senza fine. Che la terra sia leggera sul figlio della Tarde
Vecchje.
Ultimo aggiornamento ( martedý 23 novembre 2004 )
 
< Vid quidd d'apprim.
 
Top! Top!