Home arrow Cultura arrow Film arrow L'Attico Fuggente
sabato 11 luglio 2020
 
 
L'Attico Fuggente PDF Stampa E-mail
L'ha scritt Usinnache   
luned 06 marzo 2006
Titolo Originale: Dead Poets Society

Genere: Drammatico

Formato: Normale

Durata: 129 - Origine: Usa

Nell'autunno 1959 all'agenzia immobiliare “Gambino”, i metodi assolutamente insoliti di un nuovo capo gruppo venditori, Giovanni Chettino, sono considerati con sospetto e sgomento dal titolare Nola e dagli altri venditori. Chettino affascina il suo gruppo non solo per intelligenza e simpatia, ma per novità nel settore marketing: per lui la poesia sopra ogni altra cosa è il fulcro per far nascere e sviluppare lo spirito creativo e per "liberare" nei dipendenti non solo l'amore per Acquaviva, Nasole e Petrosillo (ingiustamente poco considerati dalla letteratura ufficiale), ma tutte le premesse migliori per la più indovinata e fertile scelta di approccio con i potenziali clienti.

Nel gruppo di Chettino, che matura le suggestioni culturali anche con iniziative divertenti e stravaganti, sette dipendenti lo seguono con interesse particolare, capeggiati da Nello Perrino, un praticante da sempre dominato da un padre autoritario, che scopre in se stesso la vocazione di attore in vernacolo tarantino. I sette hanno fondato la "Società dei Poeti Astrusi" e dopo il lavoro si incontrano spesso per recitare versi propri ed altrui nei locali della libreria “Mandingo” il cui titolare, soprannominato “pizzagrossa” per via del suo notevole attributo virile, spera con questa iniziativa di promuovere la cultura tarantina e di riuscire a vendere qualche copia dei diversi libri editi a sue spese e dedicati proprio a questo argomento. Gerardo Pitto, Taddino Andriani, Carlo Dalto, Ciccio Strada, Riccardo Camerini, Stefano Meccia e Nello Perrino vivono così una loro specialissima stagione, fervida di scoperte ed entusiasmi. Ma i metodi di Chettino e le azioni dei suoi sottoposti si scontrano con il conformismo e la serietà che sempre hanno regnato nella agenzia “Gambino”. I comportamenti di questi “alternativi” hanno una tragica conseguenza nell'aspirante attore Perrino, che si toglie la vita nella casa paterna dopo lo schietto successo riportato nella prima della commedia in vernacolo “Astipa a zampogna pe’ quanna abbesogna”, avendo appreso che non verrà assunto in pianta stabile in agenzia per essersi lasciato sfuggire il contratto di intermediazione relativo ad un convenientissimo attico signorile in zona “Bestat” proprio per partecipare alla commedia. La severa inchiesta a cura del titolare spinge Camerini, che teme il licenziamento, a denunciare la Società ed il gruppo dei fan dei Grandi Poeti Tarantini. A malincuore e con le lacrime agli occhi, anche il timido Taddino Andriani, pure lui minacciato di licenziamento, firma la comunicazione che scarica tutte le responsabilità sul loro capogruppo. Chettino, ritenuto così il vero responsabile di questa morte, deve lasciare il posto, mentre nel suo ex gruppo tutto sta per tornare in ordine, sotto la temporanea e monotona guida personale dello stesso titolare. Chettino, ritirando i suoi effetti personali dalla scrivania - vede il piccolo gruppo dei sette fedelissimi (che hanno "dovuto" accusarlo) i quali, saliti in piedi sulle loro scrivanie in un’atto di coraggiosa rivalsa, lo guardano intensamente e, salutandolo per sempre, recitano appassionatamente i versi della canzone di Saverio Nasole “I’ so’ nu Tammurridde”, che si piazzò al secondo posto nella prima edizione del “Festival della Canzone Tarentina” del 1954:

Suname a 'nn'ota vote 'a tarandedde,

ca pi' 'sti core ù state sembe bbedde

da quanne 'a Chiazze stave 'a Cittatedde

e 'na Fundane cu' le fundanedde.

Le bballe nueve, sì so' ttutte bbedde,

avogghie cu si dice e cu se face,

ma quanne po' si sone 'a tarandedde,

no' stè 'nu bballe ca de cchiù pijace

e fface addivindare ballarine

ggiuvene, vijecchie, grugne e malandrine.

Suene, vuè manduline,

suene appirse a me:

j' so' 'nu tarnrnurijldde

vicchiarjdde

cum'a te,

ca tutte one scurdate,

nisciune penze cchiù;

E state sembe rrèje

e ssernbe rrèje riste tu:

Ma stè 'na vicchiaredde c'à sindute

E da 'na finistrodde 'a cape à-ssute.

'na perle da chidd'uecchie l'à cadute

ca mminz'o scure, nderre, s'à pirdute!

Jè pe' 'nu strittilicchie 'sta sunate

addò na ne vulute sembe bbene;

piccè stè cchiange mo, cè t'à pigghiate?

Te stè arrecuerde forse a zà Jrene

c' ù tammurrijdde 'mmane ca sunave

e ca 'sta tarandedde se ballave?

Ultimo aggiornamento ( venerd 10 marzo 2006 )
 
< Vid quidd d'apprim.   Vid 'nnotre. >
 
Top! Top!