Home arrow Cultura arrow I grandi classici arrow 'U buche se scianghe - parte 4
sabato 11 luglio 2020
 
 
'U buche se scianghe - parte 4 PDF Stampa E-mail
L'ha scritt Administrator   
domenica 26 agosto 2007

DIDINO va via… Incontrando 'Mba Viciinze
A te lallalalala! Propije a te sceve cercanne! M'ha ditte soreme ca tu a vue' ccu lasse e ca ve facenne 'u stuedeche cu l'otre femmene. Ce je'? te ste' puzze 'u campa'? Doppe ca è fatte le fatte tuije cu soreme, mo' ce vue' ccu face? Ma 'u se' ca te ste' sciueche na brutta carte? Di di! com'è stu fatte? Pummedore sprangiute! Mantenitemeeeeeee! Mantenitemeeeeeeeee!

CARMELA  Il giorno dopo
Bongiorno mbà Pè, pigghiamene stu cafè và! Sti 'ggiurne no n'ame sintute proprie! Sarà stu cange d'orarie ma jie me sente ancora totta stralunat', e no me riesck' ancor' à cungertà!
....A jere sera me stè 'rritirave 'à casa', jappica jappica, e scève penzanne..."Ma! pure òscije à sciute....", quanne vèche nà croscke de cristjane .....m'avvicine e vèche mbà Didin e mbà Viciiinz cà se stè 'rrajavene indre à mogghjie ....sckaffe...càusce....ficozze.....e nisciune ca le scucchiàve! M'agghie 'vvicinàte e agghie ditte "Spicciàtela! mò crede cà basta mè! Sciàme a case e 'raggiuname...." Se gire cumbà Didine, tutte smaniùse e me disce..."Cummà no te 'mmisckà ca quest' è nà questione c'àgghie risolvere jie ...e cumbà Viciiinz m'à dà cunde! Tu tornatene a casa e statte sckuscitate!"
E' proprie vere cumbà:  "a 'ffà bene nò stà bene"..... fatt' è cà me n'agghie sciute a casa 'ngrazie de Djie".... ma mò cà 'ù vèche l'agghia 'rrunzà 'bbuene e  megghije....

PEPPINO
Aaah Cumma Carme', buongiorno e grazzie pe' stu cafe', ... ste' sijnde,  pure 'mba Rino u' ste' gradisce.
Azzittete Rino,  addefrischete l'osse.
E sine Carme', sapisse aijere sera ce' ha successe ... chijdde ddoje panarijdde de' 'mba' Viciinze e 'mba' Didine ... Certe ca' Didine ne' vo' pagghije de' cijnde cavadde ... l'hagghije dijtte pure je ... " 'mba' Didi' ... sorrete je' nu' poca ... dicime accusi' ... rucegliona .... ce' vvue' da 'mba' Viciinze ... quidde je' maschele ... da quanne je' munne je' a femmena ca' s'hadda sta' accorte ".... Manghe p'a' cape ... une ha accumenzate cu' Pummedore sprangiute! ... l'otre cu' Scuerce de' marangia! ... l'une ha cundenuate cu'  U' sotte d'u' carciofe! ... l'otre cu' U' sotte d'u' vummile! ... Po' quidde scellerate de' 'mba' Viciinze ha spitterrate ... picce' ha tuccate a sore de' Didine  dicenne ... Ueeee Didi' .... no'vve' cuegghie l'alie ... tu e quedda marangiana sciapita de' sorrete!!
Aaaaaah ... adda' no'ss'ha capite chiu' nijnde ... .... Cumma' sapijsse c'e' m'hagghije bbuscate de' sckaffe pizzeche e muezzeche cu'lle scocchie .... S'honne fermate sule quanne m'honne viste 'nderra, ca' nonge ste' pigghijave chiu' fiate .... m'honne pigghijate 'mbrazze tutt'e'ddoje, m'honne fatte azzetta' abbelle belle ...  e Viciinze ha' scappate cu'vve' pigghije quacche ccosa da'bbevre ... ... ha nutte tre Raffozze belle frescke, una appedune  ... e accussi' m'hagghije ripighijate .... So' do' belle cristijane ... sule ca' perdene a' cape ....

CARMELA
C'è mi stè dice cumbà.....inzomm' tu cu le skucchie e 'vute a peggio! Ma è cà sò proprie do 'ribbusciàte.....
Bah! Jie vò fatje và… ne vidime!

PEPPINO canta…
Eeeeeee Diiiillleeeee ...na'vota soOoolaaaa ... e' dillleeeeee  ca' me' vo'bbeeEneeee ... comm'je ... comm'jijiee  comm'iijijie vogghjije bbene a' teeEeee ....
Tu' si na' cosa graaaaaanne pe' meeee' ......
m'avene da' canda' quanne me' fazze a' varve ....hihihihi ... stoche aspette granne granne a' telefunate de' Acccibaude ...  m'hadda da' a' resposte de' quanne putime sce' a' casa d'u' pruvessore ..... a' vereta' a' sapite qual'e' .... a' parte u'bbuche, ca' s'ha mijse 'ngape .... vulesse propre send're ... u' fatte d'a' confesscion ...ha dijtte Accibadd ..  ca' je' nu' pruvessorone .... 'ndelliggende e 'struite .... sule ijdde ne' po' da' cunforte .... ma' il bello ... je' ca ha dijtte ca' n'hamma sta' citte citte ... hihihihi ... citte citte mo' .... ca' 'nge' vulesse ca avessema parla' .... ce' sapime nuje suse allo.....
STATURO PRIMORDIARO DEL TRATTAMENTO DELLA DIFFERENZA D'U' BASILICO TRA LA COZZA NERA E LA COZZA PILOSA ....
.... nonge m'arecorde manghe bbuene u' titule da' cunferenza  ..... ...saranne state le mazzate 'ngape ca' hagghije pigghijate da Didine e Viciinze .... mah .....
RI I I I I I I I I I I I I I T I I I I I I I   PAGLIACCCCCCCIOOOOOOOOOOOOOOOOO ......
Siiiilvio .... Siiiiilvioooo !!! Vide ca' Cumma' Carmela avessa avute a'mmettre u' tubbette de' Irudoidde da' quacche vanna ... me' l'ha pigghija pe'ppiaceree a'zzie ... ca' mu'mette suse a' sta panocchia ca' tenghe 'ngape?? .... Ma tu' addo cazze  stave quanne chijdde ddoje spelaccie de' peperusse se' ste' scurnavene?? ... avive sciute a' sciuca' au' palloone no?!! ... Mena me' ca' pare bbrutte cu' stu cuerne 'ngape ... mo' ce' ca' avenene 'mba' Mimino Cumma' Angelina e 'mba' Maurizzio ... nolle dicere nijnde ... ca' ci no' le uastame a' Sumana Sande pure a' lore .... Ca' gia' a quedda puvredda de' Carmela stamatina ... n'otre poche le fazze fa' tarde alla fatija ... m'ha tenute chiu' de' menz'ore a' bborsa d'u' ghiacce suse alle mitodde .... Miii ... sara' ca' je' quiste u' mutive .... picce' stoche studechite ... sara' ca' m'ha rumaste cungelate u' cervellette ... mah ....

SILVIO
Mannagghj d'a miseria 'u zzije, ma è possibile ca no t pozz lassà nù picche, ca so subbt uaje?
C'è t'è fatt? ci ha stat?  A madonn cu l'aiut, ogni pass tre cadut ....a ci ha stat! Fatt medicà va! Ma vid nu poc, proprij mo ca aver decis ca putev turnà a casa meja a milano, tanto aqquà di buchi e dissesti non se ne sta parlando, mi ero innamorato della fruskulona (santa donna e poi economica!!!!!) e ha sparit! m'aver innamurat d'a masciara (altra santa donna, ancora più economica...) e ha partut pur essa!
Carmela e Angela commari agarbatissime, sono così gentili con me e con te zio Peppì che mi sento quasi in colpa che sono così premurose e che non ci fanno mancare niente!
Didino...non ne parlam và! L'aveva capì già da u prim giurn ca non m'ha vinut a pigghjà dall'aereoporto....
Comunque zio peppino finchè non ti guarisce la testa non parto non ti preoccupare!
Aspettiamo arcibiade!!!!! Mò scè curcamene!

Il giorno dopo CARMELA
Buongiorno cumbà, come vè stamatina? Madonna mejie, e c'è te fatte 'ncape?
Agghie capite ca tenive a panocchia, ma t'è mise tutte u tubbettte da pumate..... cumbà t'è fatte 'u 'mbaste 'ncape...... tutte le capidde 'mbrattate..... ma vide picca picca....Cumbà! ma l'è liggiute 'u fugliette...... dice: "Stendere un velo di pomata".... òtre ca vel', tu nìè mise nà cofana.......
Silvio...cumbarjè, e pure tu! nonge è viste c'è si stè cumbenave 'u zie?.....a quande se n'ha mise, pare cà tene n'ove 'ncape! Mò cumbà, 'bivete stu cafè cà mò t'ha fazze jie a medicazione!
Silvio, tu intante pigghieme a garze e 'u sparatrappe ca stè inde 'u bagne, ca mo fascime a fasciature a 'u zie.

PEPPINO
E' raggione Cumma' Carme' ... ma ce' t'hagghia dicere ... quanne hagghije lette stendere un velo di pomata .... ce'ssapeve je quanne jeve granne stu velo??  ... no'pozze fa' affedamende suse a' nepotema Silvio, ... no'vvide ...  ha dijtte ca' sceve de' prescia cu' me sanave a' cape ... e m'ha fatte stennere ... na' tuvagghije de' pumate ... anzecche' nu' vele!! ...

Entra il nipote di Didino
Buon ciornoooo!Pozz' trasè?
Ce jè mest' Peppe? ce t'è fatt' 'n gap'? madòòòò... ahahahahahah... t'è mis' u' ggell? nà... m' n'ha ddà 'nu picc' a mè ca l'agghje spicciat' u' mij'?
wè mest' Pè... non g'agghje sciut' a scol' oscje... ma no' u' dicer' a zi' Didino, ca quidd' è 'nfamon'... u' vè dic'  attanem'...famm' stà aqquà cu' te... t' fazz' 'na bella medicaZione...ma ci è, mest' Pè... ci è ca t'ha fatt' stù buc'?

PEPPINO
Na' na' vijde ci' ha arrevate ... apprima trase e' po' dice ... pozze trase'! ...... oramaje ste' aqqua?!
Ce' ste'rride tu' shcamusijdde .... statte ferme ferme cu'chijdde mane fetijnde ... no'mme' tucca a' cape ca' oramaje zianete me' l'ha accunzate bbuene .... tra jdde e 'mba' Viciinze .... Statte aqqua' Pringipi'... statte quiete quiete e mangete nu' stuezze de' crustate ca' ha mannate pe' crianze a' piccenna ... accome se chiame ... Fabbiana ...
(Menumale ca' s'a' mangene lore ...ca' a me' m'honne rumaste quattre dijnde ... ci sape accom'e' ca stavote alla piccenna l'ha venute accussi' tosta sta' crustata .... mah .... ....) 
E quidde cose fetende d'Arcibbadd ... angore no'mme chiame ....
... no'sse po' sce' nnanze accussi' ... none propre!! .... mo' aspette n'otre pijcche e po' u' chiame je.

La masciara franchiddese si aggira, piuttosto stonata e con sguardo vagamente sognante, per la città vecchia. Ogni tanto sospira tra sé
Matò... ce fuecu picciatu ca m'è cappatu! Iu ca mi pinzava ca era essiri iutata di cuddu vagnoni e ca, ingenua comu so', l'era sicutatu sulu pi tiné nu picca ti protezzioni, addo agghiu sci spicciata: tre giurni mmienzu allu marpicculu, cu cuddu ca rimava e cantava "onta su onta" e facia, girannu li uecchi ti tutti vanni, trallalleru trallalà ... Rema ca ti remo, rriammu finu alli pali tilli cozzi abbusivi: cuddu no uè ca si cappà a nu palu ti quiddi mienzu allu mari ca simbrava ca l'era vinutu lu dirruttu? Tici ca staumu propria mmeru a nu "citru", ca non c'hagghiu capitu bbona ce caspita ti tiaulu eti... A me, pì la verità, m'è simbratu tanta nu buchu anchiutu cu tanta acqua...Comu siasia, quannu n'ammu firmatu, apriti cielu! Agghiu ziccatu a rimettiri puru l'ossi, piccè cuddu pacciu ca cantava "onta su onta", quannu è taccata la barchetta, no è vistu ca li onte ti cuddu buchu "citru" o comu mestra si chiama muiunu sempre la barca...Iu, ca sò masciara, ma sempri femmina senzibbili, no m'agghiu pututu tinè: mi sta sintia tutti li 'ntrami rivugghiati...
Poi Vicienzu, comu si chiamava cuddu pacciu, toppu ca m'agghiu ripigghiatu nu picca, m'è ditto: "Pinelopa, che no è megghiu che mo' ti commi poco poco lo stommaco?"
E s'è mmisu a piscà cu 'na canna ca stava intra a quedda barca scasciata: no è pigghiatu cchiu ti sei cazzi ti rre, e cu quiddi, cruti, hamu campatu tre giorni... Ca poi, si sapi, lu fuechi mmeru alla pagghia non ci puè stari: quannu la notti è calatu l'ummutu, n'hammu duvutu scarfà in una quarche manera...
Vabbè, ci tutti la tarantini so' cussi, no è 'na brutta cosa, pirò: quannù ni l'ammu turnatu toppu tre giurni, sia iu ca iddu n'erumu mazzuti parecchiu, ma sciumu propria belli belli anchiuti li stesso!
Beh, mò pirò, si torna alla fatia: cu Vicienzu hamu rimastu ca cuddu lassa la zita, ca pare ca eti 'na menza spruscinata, e zzzicca a fà l'amore cu me: iu, pirò, mo' agghia cchià la casa ti cuddi Silviu, piccé mi sta spittaunu ai tre giurni e ci m'agghia fà lu curredu tegni bisuegnu ti nu picca ti sordi...
Vitimi ci qua ncunnunu mi la sapi tì...

Il giorno dopo…
CARMELA
Bongiorno mbà Pè, come sciàm' stamatina? Ah! E' viste! a panocchia s'è sgunfiate già. No se vede 'cchiù niende, ma te face male ancora? Mò stamatine no ne mittime pumate, scinò te 'nguacchie tutte le capìdde notra vote. Tante ha sanàte, noì ne stè bisògne!
Ma cumbà, dimme nu' poche..... ma cumbà Didin e cumbà Viciiinz.....?
No s'hanne fatte 'cchiù vedè, dop' quedda sera...............no?
Mah! Jie pozze capì cumbà Viciiinz, ca tene ancora a cape vola vola....... ma Didin, è 'tane de file.....! Mah!
Ci une nasce tùnne, nò pò murè quadrate!
Approposito cumbà, mò ca jie me ne vòche, chiude à porte e mièn' a 'nserragghie, piccè vinènn' vinènne, agghie viste nà zinghere cà stè càmenave lesta, lesta 'mmere a  ringhière.  Pàreve giovene, tenève  le capidde rosse e rizze, rizze.....purtave nù borsone a tracolla ... e jindre sicuramente tèneve nù sckamusidde  
Eeh! puviriedde! Vònne sembre sbàttenne! u' saccie! mà cùmbinene pure tanta uàie..... e nù sciàme già 'ruzzulanne pè cunte nuestre......! Beh! Cumbà Jie vòche, ne vidime dope mènzatìa....à contr'ora!

PEPPINO
Cia' Cumma Carme',  a' cape ve' megghije,  ... no'nne mettijme chiu' pumate ca' stanotte me sendeve spruscia' da' suse au' cuscine tande ca' stave 'mbrattate ... ca' ce'nne' se' tu' ... nepoteme Silvio aijere sere ... l'otra m'ha mise ... pure ijndre alle bboghere delle recchie ... famme sta' cijtte va' ...
Chijdde ddoje prufediuse de' 'mba' Viciinze e 'mba' Didine ... e ci' l'ha vviste chiu'  ... ... mo' t'u' diche ... je' mmegghije ce' no'sse facene avvedre ... ga' gia' stoche cu' a' cape turciute ...
Naaa ... annota vote li zzingare vonne geranne? ... Va' Carme', ... no'tte preoccupa' de' nijnde, menghe u' varrone  e nonge apre propre a' niscijune ...  fine a' quanne no'sse' voze da' ijndre au' lijtte nepoteme ... almene je' na' securezze ..... ..... forse .... mah ....
Canta…
EEEEEEEE' PRI I I I I I ............. (riprendo fiato) MAAAAAAA AAAAAAAAA   AAAAAAAAAA  ..... (riprendo angora fiato) VEEEEEEEEEEERAAAAAAAAAAA ...........
Siiiilviooo  a' porta stonne tuzzeneee! Siiiiiiiiilviooo ... mannagghijacite'straviveeeeeeee  ....  te' vue'ccu' ueze ...o' no'? Miiiiinghia au' criature ... ca' quanne ste' in vacanze .... dorme sembre  ........ mah .......

Didino parla con la sorella
Mene me! no' je' ninde! no' chiangere!........ Tu si na' uagnedda troppe aggarbate pe' quidde campalacase! E' crisciute ind'a ccase, educate e oneste! Lassu perdere a Viciinze! N'otre uagnone fatijatore 'u trueve!
Comunque l'agghije aggiustate 'u sciumme all'amiche nuestre! Accussi' quanne se ne ve a Bergame....picce' mo da qqua adda spari' pe' sempre!.....se l'arrecorde a Didine e a sore de Didine!
Me dispiace sulamende ca ha passate le uaije pure 'Mba' Peppe, ca no' ngendrave nijnde....quase quase mo' 'u voche a jacchie a casa soije pe' le chiedere scuse. ..Famme sce' va.....

Penelope bussa vigorosamente al portone mentre canta a squarciagola
Prendi questa mano, zingaraaaaaaaaaaaa... dimmi pure cosa vuoi..... da meeeeee!!!!!
Ih pillà... E quisti ca non ci aprunu... Sirai ca non ci stai nisciunu... ma la ndicazioni ca m'hannu tatu eti ca qua abbita nu vagnoni tillu settintrionu ca si chiama Silviu...Ha essiri anforza cuddu...
Zittu, zittu, ca sta sentu lu rrimori ti giabbatti, e sirai ca sta rria ìncunnunu...
Oh.... buona sira, nunnu... Sto annando pi  totta Tarantuvecchia alla ricerca di un vagnoni ca si chiama Silviu e ca m'è dittu che 'na famiglia sta faci n'indaggini sobbra a nu bucu...Mi prisentu subbutu, piccè vegnu a questa casa signurili: mi chiamo Pinelopa, ni vegnu ti Francaidda e, puru ca non ci paru, sontu una masciara famosa, piccè li ntinati mia furunu tutti zinghiri... Sacciu liggè tutti cosi: li funni tillu caffè, li palli tilli uecchi, l'alliniamenti tilli pianeti; interpretu lu voli ti l'acieddi, li signali ca lassunu cu li cacatori, li sputazzi ca stannu a'nterra; fazzu mascie e contromascie; lleu lu malocchiu e mmenu li nfascinamienti... Pirò so' specializzata alla littura tilla manu: leggu passatu, prisenti e fituru...Anzi, ti sta vesciu ancapu, nunnu, nu' bellu mercu neru neru: ci ueli, sulu pi 300 euri, ti lleu lu mercu, ti fazzu nueu nueu, ti ticu tuttu tillu bucu e leu lu nfascinu ti sta famigghia, ca sentu vibrazzioni proprio nicativi... Allora, ce dì: lu facimu 'stu cuntrattu??

PEPPINO
Uuu'  ... buonasera a' te' figghija .... sijnde bbella ... je aveve prumesse a' Cummareme Carmela ... ca' nonge aveve appre' a porta a niscijune ca' nonge canusceve .... ma hagghije sendute na' bbella voce ca' candave n'a canzona famosa  ... e t'hagghije ppirte .... Accom'e' ca' te chiame?? Pinellupa ... ah .. ah .. avijne da  Francavidda Fundana ... ah .. ah .. sine ca' sacce addo' je' Francavidde ... sce' pigghijave lu' mieru bbuenu addo' n'amiche mie ... Ecce' mistiere face ... a' masciara? ... u'mmamma d'u' Carmine ... lijgge passate presende e future? ... suse alle mane ... Sijnde Pilupela ... je u' passate u' sacce, .... u' presende je' prisende ... magare vulesse sape' 'nguaccheccosa suse au' future ... ecce' vvue' da me? ... eeeeh ... accom'eeeee' ... m'ha ligge' u' future da'ngape?  .... Tricijnde euri?!! ... ma ... ue' russetedda ... no' je' ca' pe'ccase canusce a' nepoteme Silvio ... ah sine?... u' cuntratte?.... ma' ce'tte pijnze ca' so' scimunite accome a' nepoteme? !! ... ma' vide ci te'ne' ve' subbete subbete d'addo' e'rrevate .... No''nzistere ... lasseme sce' ... no'mme'tucca ...a ... cape ... mamma  meja ... Ue' ... shcurnacchiata fetende ca' no'ssi otre! ... ma' ce'tte pijnze ca' e' truvate a' spera de' gristalle? .... aiuto ...
Muduu Viciinze bbelle ... aiuteme ... sta' bbella signurina se n'ha venute culle pijcce 'ngape ... sceve candanne a' canzone ... prendi questa in manoooo zingara ... e me' vo ccu' futte trecijnde euri .....dillu tu ca' je cambe cu' a penZiona ... no'ttenghe manghe na lira cu'lle doche ... muduuu Viciiiii ... n'otre poche me staccave a' cape! .... Brave bra' ... falla azzetta' e falla sta' bbelle bbelle ....
Parlame de' fatte 'ssenziale ... Viciii ... ma po' allora e' chiarite cu' Didine ... ca' tuuuu ... no' pue' essere chiu' chiare cu' u' uagnone ...  po' nonge hagghije capite picce' nonge l'ha cundate a sorese u' fatte .... v'avite lassate ... e no'ssene parle chiu' ... Senza tanda muine ... arrevate alle mane ... mannagghiavvu' ... m'arecorde quanne jereve piccinne  ... sembre apprijsse ... megghije de' doje frate ... po'rrivene le femmene ... e shcuascene tutte cose ... Accome a' questa qqua' .... ca' me' ste squasciave annotra vote a' cape ....

VICIIINZE
Accome vè a càpe zio Pè? Me despiàce assaje. Mò statte scucetàte ca je e Didine ame chiarìte tutte cose. Dope  ca t’ame lassate su a seggie cù a Raffo mmane e a pumata ‘ngàpe,  haggjie ditte a Didine:
“Uè uecchiachiuse, ce ssò ca t’ha ditte sorete? T’ha ditte ca l’agghjie lassàte je o ca ne stè lassamme? Ca u fatte è nu poca deverse. Quedda rusciglione de sorete (e se stè menàve n’otra vote a mazzàte)…Statte ferme addà Didì e sindeme. Stè diceve ca quedda, sorete, accome ha sapùte ca je eve turnate a Tarde pe sembe, subbete ha fatte a faccia brutte e accumenzate a dicere rrobbe strane de le femmene tipo “ho bisogne di reflettere, tengo bisogno di un moment di menopausa” e otre stuticarje  del genere. Je ca già teneve le cinghe menute l’haggie ditte ca se puteve pure prendere nà decina d’anne de reflessione. Accussì l’ha venute nù surrise da na recchia all’otre, m’ha date nu vase e se n’ha scappate lucculanne “Frango, Frango, Capitano mio… sono libberaaaaa…..” E’ capìte u fatte Didì? E so secure ca quanne vè a case sorete face a parte ca chiange, a canosche buene, e falle pure tu a parte de quidde ngazzàte, accusì ste cundende pure jedde.”
A stù punde m’ha uardàte e cu nù surrise m’ha ditte ca eve  megghie accussì, ca tande nu canàte com’a mè no è ca le piaceve tande a tenerle. E s’ha sculàte a raffozze tutte a nù surse.
Comungue zio Peppe, mi vado a fumare due o tre sigarette, una per ogni Raffo, così prendo un po’ d’aria che quando torno t’agghia cundà notre fatte.

PEPPINO
Va' bbelle ... va' ... va' a' fuma' .... ma pippiacere  ognettande mine l'uecchie aqqua' ... cu' no' maisie sta' russetedde ve' pigghije quacche otre picce .....

Penelope, contrariata,sbuffa sulla sedia e agita la sua gonna
Ihhhh, mestra a stu nnannauercu! E ce l'è pigghiatu, quannu m'è visto! Certo, la canzoni ti la masciara ca leggi la mano eti sempri na' garinzia: quannu mai non c'è funziunatu...
Sulu ca custu mi sapi tanta ca è tuestu cu lu scuerci... Hagghiu pruato cu li leggu la capu, ca la teni lucida e senza capiddi come quedda ca intra nci mettu li pisci russi, ma nienzi... No s'è fattu cunvintu! Simbrava ca era vistu lu tiaulu, s'è misu a crità comu a nà chuccuascia e n'atru picca mi rranfava a n'facci!
Megghiu è cu spettu: puru ca a me mi sta pare, stu cristianu, nu picca ssinzatu, ca sta vesciu ca chiama a unu ca teni lu stessu nomi ti Vicienzu mia... Bedduuuuuuuuuuuuu!
Sospira
Pacenzia, agghia purtari: ncunnunu a rrià, cu lu cunvincu... Intra allu frattiempo provu arretu cu stu nunnu, ca lu sta vesciu picca convintu...

Con fare seduttivo, si rivolge a Peppino
Nunno... Ma sì propria sicuro che non vuoi liggiuto indentro al cirvieddo e nemmanco curato lo merco? Che io so fare financo le posizzzioni maggiche... noni, nunno, no t'aggitari, che agghio sbagliata la palora: sta discìa "pozioni", ma mi è cappata una lappa alli musi... Viti ca no è fessa la pinzata: ci ti ticu ca sacciu tutti li storie tillu buchu, fattu veru è... Anzi, mi venni 'na pinzata: ci propria no tieni tu 300 euri, putimu fa na ssituta ti gruppu, comu na' situta sbiritica, e chiamu tutti l'animi ti l'ardilà esberti di buchi, ti Cleopatra a mò... L'unica cosa, nunnu, cu mittimu ammienzu 'na frascera pi ni scarfà, ca intra sta casa vecchia, cu l'ummutu ca nci stai, iu sta 'ntrignulu... Beh, ti sta vesciu quasi quasi convinciuto: ce dì, lu facimu stu cuntrattu ti siduta?

PEPPINO
Muduuuu signuri' ... me' penzave... le posizzioni maggiche .... hihihihi ... otre ca' na' mascia ce' vole pe' me' .... hihihihi ... oramaje hagghije fatte l'anne mie ... e'ggia'  ... m'arecorde ... a'ttand'anne arrete .... ...
None signuri' ce' e' capite!! ... tande anne fa' ... Cangiame descurse ca' je' megghije ...
Tu' riescie a' comuneca' culle spirete,  pe' sape' totta a' storie delle bbuche?
Beh ... nonge me' pare na' brutta penZata .... sule ca' vulesse parla' apprime cu'lle Cummare e Cumbare ....  pe' sape' ce' ne penzene ...  Mo' appezzecame a' carvunedde cu'nne scarfame nu' picche.
Sine russete' ... pero' statte quieta quieta cu'quedda vesta ... ca' je so' anziane, ma me' vodeche u' sanghe .... ..... m'arebbolle ... accome se' dice .... Sule u' sanghe pero' ....

Arriva intanto Silvio sempre di corsa e sempre pensieroso per i lavori lasciati in sospeso "giù" a milano:
Ciao zio peppino tutt'appò? Ma?  quale dolce visione..... Penelope? Ma allora sei venuta davvero a trovarci?
Io che credevo che saresti sparita come i 300 euri di quella mattina....
Bene bene vedo che hai già fatto la conoscenza dello zio. Come siete daccordo?  Ci farai sapere la storia dei "BUCHI" andando in TRANS?

PENELOPE   sorpresa e contrariata
Sienti, beddu vagnoni ca parli accussì furbito e taliano sittintrionali, a me TRANS non l'ha ditto mai nisciuno, che già da quando andavo alla quarta ilimentari tilli zingari ni fricia ti purpi, iu!
Io fimmina figghia ti fimminazzi, sontu, ca già alla quarta classe purtava la quinta di parapietto...
Per cui la quale, maisiacchiù cu ti sentu ammocca questa palora contro a me... Trans... ma viti n'ogna...
Comu siasia, minumale che ti sono venuta ad acchiare iu, che no hai ti mò che ti sta spittava, e ci no era statu pi cuddu bellu vagnoni tillu zitu mia, Vicienzu, io sapi ce brutta fini ca era fattu, dda basciu, mmeru alla marina, apponta addò Cicc'u 'gnure...
Vabbè, mo' mintimoni l'anima an'paci: con quisto nunno, che mi pari puru che un picca ti simmigghia, sta' cuntrattamu pi 'na seduta sbiriddica, che io imboco li megghiu sbiriti ca ni sannu tilli buchi e cussì chiutimu 'stu misteru...
Pirò, qua simu troppu picca cristiani: e ci simo picca, li sbiriti putienti non ci venunu...
Eppoi, sobbra allu priezzo ancora non c'hammu cuncurdato: ca qua vi sta vesciu tutti 'nu picca stritti ti 'mpiettu... Vabbè, ggiovini, tu no, ca sì veramente ti cori apierto e giniruso...

PEPPINO
Noooone bbella russetedda .... no'tte' offendre ... quidde je' uagnone ggiuvinotte ... ce'ssape quidde de mascia e trasss ...Mannagghiallameseria ... anotra vote u' male de' vendra m'avite fatte turna' .... da' quanne m'hagghije bevute quedda Raffozza ghiacciate ... me se cuntorcene tutte le' 'ntrame ... e ogne mezz'ora hagghija scappa' au' cesse ....
parlando sottovoce con Silvio
ue' au'zzie ... na' ce' ste'dde' le numere pure tuje ... ca' questa spustate mo' mo' s'aveve calmate!....
tornando in un tono normale
Signurina ... scoselo lu' uagnone ... mo' organezzame tutte cose, ... tande mo' arrivene pure l'otre Cummare e Cumbare ... Viciinze e Silvio stonne aqqua', ... mo' aspettame a Cumma' Carmela, Cumma' Jangelina, 'mba' Didine, Mimine, Maruizzie, Rino ...  fazze subbete subbete nu' poche de' tefelenate ... e'vviso tutti quandi ...

DIDINO
Buongioooornoo! Na na,'Mba' Pe'!
Deridendolo
 C'ha successe? so' doije giurne ca no tte veche?Ce tijne sus'a tigne? Qualchedune t'ha spaccate le merodde?....No no no' t'engazza'! Anzi,...Hagghie venute apposte e …ti chiedo scusa, ''nanze a tutte!
Na na' citte citte! pure Silvio ste'...... 'u giargianese! quidde du webb, intr'amett, cam,sem......e tutte le chiacchiere sue!  Matoooooooo! Ce ste' pure! 'A rosse!
Canticchiando
 'A rosse
quande vede a 'u russe, le vene a tosse!....Ma ce ste' facite tutte assieme?

PEPPINO
Ueeee Didine .... aqqua' steee .... aveve nu' mugnele ca' no'nne putemme avvedre ...
 ...  ste pure 'mba Viciinze fore alla loggia  ... ca' se' ste' fume nu' pacchette de' sigarette .... (fegurete ... aveve dijtte na' Raffozza e na' segaretta.....) 
poi tornando al tono sottovoce
Sinde ... Pelenople ... non sia per offesa ... ma ... viste ca' te' ne' 'ntinde de' mascia .... pue' fa' ninde cu' me' passe ... sta' cacarella?!! ......

CARMELA
Bonasera mbà Pè, scusàme tante, ma stamatine no'nge àgghie putute venè cà scève de pèrsa!
Mò t'agghie purtate ste dò scarcèdde ..... càvete càvete stònne,  cà mò  mò l'agghie sfurnàte!
OH! Madonna mejie! Ma ci è fatte trasè indre a casa? Quedde jè a zinghere vidive 'mienze a strade.
No è nà zinghere?....è nà masciàra?.........Penelope......
Buonasera!......Piascere, jie sò commà Carmela........ma dito voio che cosa liggete?...... le carte?.......no? - la mano?....... no? Aaaaaah! ho capito, voi sapeto leggere la posa?..........nooooooooo?
Ah! voi andate solo in TRANS!..............Pure jie ....... lo prendo tutte le matine......però nò v'agghie mai vista!
che nummero pigghiate?
Ah! non prendete nessun nummero?....
Ah! allora quest' le nummer' le dè soltante! Speriame almena cù ne fasce fà nù sei aggarbate!

VICIIINZE  entrando di spalle mentre chiude la finestra
llora zio Peppe tre giurne fà agghie sciute a mmare cu a varche cu nà uagnedda bellissima, me penzàve ca forze recapetàve quaccheccose, ce sacce, nu vàse, nà mane sus'au ... nzomme è capite zì.
U fatte zì, je uardave a jedda, jedda uardave a me, cu a scuse d'u fridde d'a notte....
Zio Pè, alla fine ame state tre giurne mmienze a mmare e m'agghie nnammurate perze. Tene nù nome ca me face murè, se chiame
voltandosi
PENELOPEEEEEEE !!!!!  Me stòche a sènde màle …purtateme au Gambere....
TONF!  Perde i sensi!

PENELOPE
Moooooooooo... Vicieeeeeeeeeé... Vincenzuzzu mio!! E che è? Ti materializzai solo col pinsiero???
E com'è che ti acchi qua? Ihhhh, minchia, ce poteri ca tegnu...Mato'... Santa Sarodda... mi sta sentu vinè menu...

TONF  … Cade anche lei, ma in stato di TRANS

CARMELA
 Nà, nà .... vide nù poche......"Crist' a 'mpigne e Malasorte"......hanne venùte mène tutt'e 'doje.......
mò, mittitel' su' canapè, cà jie vò pigghie l'àcite... quidde ca tenghe jie è bell' forte......
l'avaste na tanfàta cù se ripigghiene.......
Eh!...agghie ditte jie cà stàsera damme le nummere.........
…'U cumbare s'ha 'ripigghiate.........ma à masciara none ancora, eppure l'agghie spruzzate pure n' picche d'acìte 'nfacce.....ma ninde! Stà cosa nò me piasc'!
Cumbà Viciiì, c'è l'è fatte à 'uagnedde....l'è 'ffascinate?
Citte, cì....me pare ca ste move le muse! Hei! vin'te tutte quà vicine!......me pare cà queste stè 'zzecche à strulècà...
e poi tra se e se....
..... e mò ce jè......muerte cà parle?......ma queste è viva?.....eppure cumbà Peppe avessa 'tenè u libbre dà smorfie da quarche vanne!!!!!!
e magghie decise cà questa è à vota 'bbone cà me vò scioche do nummere!....e viste mai .........però mam'agghie stà accorta, no me n'agghie 'fà accorgere da nisciune, scinò porte male.........

DIDINO
E vabbe' ce' hamme fatte a qqua'!  Trase idde e svenisce… trase jedde e se ne more! (rivolgendosi a 'Mba' Peppe) Quidde tena a cacaredde a spruzze!
Mamma mamma!  E ce je' u sanatorie? Une muerte da na vanne, une muerte dall'otre! Ce 'u sapeve me ne stave a ccase!
Mene uagnu' no ve facite vene' le svinimijnde ca 'qqua' hamma quagghia' cu' stu' bbuche! Mene me'!

VICIIINZE
C'ha successe? … Addò stòche?...Ci sìte? …Mamma meje ce geramende de càpe.
Mò me stòche a recorde
mettendosi seduto
agghie viste a Penelopa l'ammore mio
rialzandosi vedendo Penelope svenuta
MATO' C'HA SUCCESSE? CE SSO' CA L'AVITE FATTE A UAGNEDDA MEJE?
Com'è ca è ditte Carmè? Stè ind'u tram? Ahhh in trans! Matò, speràme ca s'arrrepigghie totte nà vote.
Nanà, se stè mmove. Citte citte stè ndrucugliescie quaccheccose....
Bella russetedda meja.

Passano tutti la notte da Peppino. Il mattino seguente…
CARMELA
 Aaaaaaaaaaah! Madonna c'è famàzze! Aaaaaaaaaah! Madonne mejie c'è nuttata!.......manche le cane.........
nò m'anne fatte 'riggettà nù mumente.....

Indicando Penelope
queste ha continuate a 'sfarfuglià "'lù cauèrtu, lù cauèrtu",...... tant'è cà l'agghie fatte le bagnòle 'mbronde ...'u cumbare, puvirjdde, ha fatte òze e 'gghìche, 'nanze e 'rrète ..... dù litte a 'u cabinette, tott a santa nuttate, s'ha bevute na sèssele de alàure e campumille........ninde, pò l'agghie preparate 'u tè cariche a limone...... ma ninde. Quidde? ogni vòt' cà sceve 'u cabinette lucculava "Carmè! portame nù limone" e jie 'nciù purtave....nà vota, dojie, tre.....pò m'aghie stancate ..... agghie mise nà sporta de limune su' a banca........e 'u cumbare ogni vòta se ne pigghie une, mah? Nà cumzemate già 'cchiù de metà, ma ancora no 'sse 'ripigghie...... eppure 'u limone mantène 'u cuerpe.... è astringente...... è santa cosa! .....Mah!

Nà! stònne sònene à porte, tà essere 'u mideche cà agghie chiamate stà notte.

"Bongiorno dottò, accomodatevi! Scusatemi tanto, ma stanotte m'agghie sentute pers' e v'agghie chiamate! Jie le stò prove tutte,  ma ninde! Quist'è 'ddojie me stonna fà studechì! ...... Allora mò vi cont'! A' zinghere l'ha venute na saetta, appena ha viste mbà Viciinz', pò ha 'ziccate a parlà indre ù suenne, e pure cà l'agghie fatte le bagnole fresche, totte stanotte,nò se 'ripigghie ancora!.... 'u cumbare invece, dopo cà s'ha 'bbevute na birra ghiacciata, cà l'ha date semb' quidde 'ribbusciate di Viciiinz, l'ha venute....scusate il termine......nà diarrea, cà 'u stè cunzume sane, sane.
Dottore mije, n'à cunsemate limune..... ma ninde .... no 'nge passe!
Beh! dottò jie v'agghie ditte 'u fatte, mò 'u timpe ca vù le visitate, jie vò fazze 'u cafè, cà ne tènghe proprie 'bbisogne cu mi rianimèsce dopo stà nuttata. Gradito pure voi?"

Mah! speriamo ca ù dottore l'acchie a midicin' pe tutt'e 'ddò! A rizzètt' a fazze spedì da cumbà Didine e cumbà Viciiinz.......(girandosi) .....Aaaah! Pe ci pigghiò mort'è passione Criste! Vide vì, sti dò bragalasse, hanne fatte tante muìne jiere sera ...Didin cà le pareve 'u spedàle....Viciiinz se chiàngève à russitedda sojie.....pò hanne 'durmesciute 'nanze a televisione, e ancora stonne gròffelene! No 'ne sàpene ninde dù fiascke de l'olie!.....eeeeeeh! jat' à lore!

Famme scè fà u cafè va, ca è megghie!

PEPPINO rivolto a Carmela
Maaaammamejaaaaaa ..... sapisse ce' lotta ognevvota ....Hagghije fatte u' cuntorsioniste cu' mme shkaffe bbuene bbuene u' lemone 'ngule ....  quanne riuscive ... dope manghe nu' menute me turnave u' dulore de' vendre ....  nu' picchele sforze e ...  SPRANGHETEPATAPLONF .... se' ne' scappave u' lemone ... e me n'aveve a'mmetre n'otre .... mammameja ce' uerra ... tutta a' nuttate ...
Tutt'e' ca' quidde prise de' nepoteme Silvio m'ha dijtte zzi'Peppi' prueve cu' u' lemone ca' te passe subbete subbete ... ... subbete subbete .... ognevvote ca' se n'asseve ... me' ne faceve annucere n'otre da' Cumma' Carmela ...Aqqua' svinimende ... lucchele e chiangiute ... Carme' ce' casine ... chijste chiu' lucchelavene e chiu' lemune me' servevene .... Pippiacere dillu tu' au'dottore cu'mme de' na' midicina ggiuste cu'mme passe u' dulore de' vendre .... dille tu ca' hagghije rumaste alla discijune da' jere ... ca' m'hagghije mangiate sule tre'cchile de' cozze e nonge hagghije bbevute chiu' de doje litre de' vine russe ....   
S'ha arrepegghijate a' russetedda ... quedda ... a'masciare  ....  accome cazze se' chiame jedde .... Preneprole ... na' na' .. tremijnde a' Viciinze ca' le ste' mandene a' cape ... da' accome a' ste' uarde pare ca' se'n'ha nnammurate ....Gomungue Carme', quanne riuscive a' asse' da' u' gabbenette,  avemme rumaste daccorde ca' quanne arrivene tutte facime a' seduta ... cu'lle spirete ... Ma' mo' questa ce'ttene ... mudu' accome face bbrutte ... tuerce l'uecchije ... Accome' ... gia' l'ha accumenzate a' sedute?? ... ste'ggia' suse au' tramme ...
Dotto' dotto' ... pippiacereeee ... dalle na' uardate pure a' sta' russetedde ... cu' no' hamma'ffa' nummere osce ..... ca' a'mme' pe' mo' u' lemone .... se' ste'mmandene ....

Il dottore si chiude in camera coi malati, per visitarli, poi rimane nel salottino a studiare i casi… e dopo un’ora …
CARMELA
'U dottore ancora nò si pronunzia! Eh! ma jie 'u diceve cà 'à situazione ère cùmblicate!
Uèh! Silvio, Cumbariè! òzet' cà è menzadìe! C'è 'ccosa? Tine suènne? Ah! sì?
A' jiaddine fasce l'ove e a 'u jiadde l'uscke 'u cule!.........com'è jie fazze a nuttata, e quiste dorme!
Vi ci ti manisce e me de na mane! Fa na cosa....siccome 'u bagne no se pò praticà..... inchije nù poche d'acqua ind' ù  'bacile, pigghije a sapunette e nà 'sciugamane e port'le indre a cammere d'ù litte, sobbe a seggia affianche 'a culunnette dù cumbare! 'Cussì 'u dottore se pò lavà le mane quanne finisce de visità.
Muevete! mena belle, mè!

 
ANTONELLA sorella di Didino
E’ permesso??? Scusate pozz’ trasè???
madò Pepp… com’ste t’agghie venut a truvà  ca fratem' Didine m’ha ditt quir ca ‘ha success pe colp di quidd’ bracalasse di Vinciiinz …
Me com’sciam ?? ti sient  ‘nu poca megghie ?? E u dottor  ha venut??? Ce t’ha ditt ste ‘nu rimedij pe sta cosa ca t’ha venut …
Buon giorno cummà Carmè e tu com ste ??

SILVIO
Dottore dottore, cos'ha dunque mio zio che non riesce a calmare la "Dissenteria" neanche col limone? Sono preoccupato, proviamo con una terapia d'urto? che ne dice del pompelmo???
Il limone non ha funzionato perchè ogni volta che lo toglieva la diarrea prendeva il sopravvento, se lo convincessimo col pompelmo? magari evitando di farlo togliere per 48 ore?
Ma...quella masciara è in TRANCE!!!!!
Ascoltiamo e invochiamo gli alcool...anzi no, gli spiriti di chi può aiutarci a chiarire il rebus del BUCO....
Parla masciara....parla....erudiscici...schiariscici...

Penelope, stesa sul letto, comincia ad agitarsi a roteare gli occhi... Tutti si affollano attorno a lei. Poi, con tono crescente e con timbro diverso, comincia a parlare

Ahhhhhhhh... Troia... Troia... Troia!!

Le donne attorno al letto reagiscono in modo visibilmente contrariato, mentre gli uomini sono perplessi
Improvvisamente, scatta in piedi apre gli occhi di scatto e, in tono sognante, come una sonnambula, si siede sul letto


Troia... O mia patria... O dolce luogo dove vissi la passione ed il desiderio...Come mi manca!
Ma chi mai disturbò il mio desiderio di oblio? Oppure, davvero, la vita è uno specchio deforme, la morte un confine immaginario ed io di nuovo son viva ed ardo d'amore?
Oh, morte, se ciò non è vero, riprenditi or ora ognuno di noi!
Ma perché mai tutti questi uomini, attorno a me, toccano ora le loro parti intime e fanno strani gesti con due dita delle mani? E queste ancelle, attorno al mio letto, perché non corrono a portarmi lo specchio affinché io possa riacconciarmi? E tu…
accarezzando il volto di Vincenzo, accorso al suo fianco
sei il mio Paride o il mio Deifobo? Non ti riconosco, ma nel tuo sguardo leggo l'amore, che si legge aldilà della rude corazza del corpo...
E quest'uomo anziano che mi reca in dono questo strano frutto giallo, chi è? Il padre Priamo... o... non è che è Menelao.... no, vero?
Oddio, mi sento confusa.... Sento solo nella mia testa l'eco di una parola: "Il bucoooo... il bucoooo... il bucoooo....". Son forse le voci dell'oltretomba che invocano risposte?"

ANTONELLA
Nel sentire questa voce la sorella di Didino si gira verso il letto
E mo ce' vol quest…U’ specchij ?? Effettivamente l’serv … ma vid ‘ cu ce capidd ‘ve girann …….
vede Vincenzo che dà qualche schiaffetto amorevole sulle guance di Penelope per farla riprendere
Ahhhhh e tu qua ‘ste? E ce ste fasc? ‘No ti pigghie vergogn’ dop tutt quir ca è cumbinat ‘cu t’presient a casa dell’cristian eh …Tien proprij ‘na facc ‘dde bronz
 
e poi stringendo gli occhi e accorgendosi di quello che sta facendo Vincenzo  
Ma ce ste cumbin ?? Famm vedè nu ‘poc ……
Brav , brav è capit a Vincenz … mo agghie capit piccè è fatt tutt stu casin …. Otre le chiacchier’ ca è ditt a fratem … è colpa di sorete , ha ditt ca vulev ‘nu mumen d’ menopausa mo a menopausa t’ha fazz ven je a te è capit ??  Stu fetent’ , stu scurnacchiat , s’tu ‘nfam 'de questur  ,stu rueccl', stu figghie d ‘na … ma non m fa parlà va ….
Ma vid ‘nu poc vi , qua  ste fascim ca u’  ciucc ‘è chiamat curnut da u’tor , vabbè tor mo…. sul p’le corn ca tien ca pu ‘rest Fasc proprij ‘na figur d’nient’…….  Mo agghie capit piccè a' turnat a Tarde ...

PEPPINO
Mena bbelle me' ... preparate totte cose p'u' dottore ....  mammameja ... ce' gonfusione ....
Aspijtte Carme' ... appuggiamele aqqua' u' vacile cu'l'aqqua ....
Ueee Andonellaaaa ... mammameja ... e' ggiuste osce aviva avene' a' passa' ....
poi pensa mettendosi le mani tra i capelli ... jereme scarse ... e'mmo' stame au' gomblete !!
No'tte' preccopa' "Ndone' ... no'je' nijnde ... m'ha passate ... ste' sijnde a quidde scellerate de' Silvio ca' m'ha suggerite u' pumpelme .... beh ... ce' vo' nu' poche de' chiu' de' sporze ... ma almene pe'mmo' no'ssene avene ...Cijtte ci.....   CIJTTEEEEEEEEEEE !!!
Ua' masciara ste' parle .... miii accomo parla bbene mo' ... nonge me' pare chiu' a' stessa de' apprime ... no'sse' capijsce nijnde u' stesse ... pero' parle bbuene ....Bello bbello con queste parole .. signora Preneprola .... ca' ijndre a' sta' casa stonne totte femmene cu' a' dignita' .... no'mmangamendo parlande della assignurija vostre ....
penZa rimettendosi le mani tra i capelli
Madonna meja ... ci' Andunella ve' vvede ca' a' masciara a tene cu' Viciinze succede nu' casine ....
Bellaaaa ... bbella russeteddaaaa  ... none,  no' je' luio ... no' je' ...  ne' Patire e ne' Idrofobo ....
Ueee' e ci je' Manel'agghije  Primalo ... ... e quiste je' nu' pumpelme .... e je' pe' mme' ... p'a cacarella ....
Ueee' Didine ... je' averamende bbella a' sora toje ... ma' otre ca' fiure so' ci' ve'vvede a' Viciinze cu' a' russetedde .... MAMMMAMEJAAAAAAAAAA    ........ l'ha vviste ... lha vviiiiste ..... mo hadda succedre u' casiiiine .....Calmate Andone' caaaalmate ... propre mo' ca' ste'ssapemme 'nguaccheccosa a'rreguarde d'u'bbuche ....Ste' sijnde ca' a' cristijane se' ste' ssende male ... e ste' pparle de'll'otretombe .... statte scucetate ... Viciinze a' ste' aiute .... a' par...la' .... forse ....

Nel frattempo manco a farlo apposta, a casa di mbàPeppino arriva anche Mimino
je permess'? pozz trasè? Bonadìa a tott'... ste passave da ste vann' e agghie penzate'...
mmha! famme sce passà da mbàPeppin' ca sceve d'cenn' ca n'avemm'nguntrà pure cu pringipale d'Arcibbaud, l'amich' sue' p'avè na risposta sus' a stù capper' de bbuche.
Matòò quanda ggent' ca ste... ma c'ha success' quaccheccosa de brutt'?
Naa!!! pure Andonell' ste ... mudùù ce piacere cu te vede... m'arrecurd' quann'ijer piccenn' e mo t'è fatte propie na bella uagnedd'... cumblementd avv'ramend!
uè! mbaPeppì ce'ttine?... madòò ce faccia e pure Carmela... ma c'avite state azate tutt'a notte?
Me ije aver passat' pe vedè ce acchiamme na rispost' pe stu buche ma aqquà me pare ca tenite otre probblem'... c'amaffà? ...amaffà na riuniona mo subbt' subbt' c'u apprufettame pure d'a masciar' cu ne de n'aiute o n'ama vedè ind'a 'nnotre mumend?

CARMELA
Cumbà Mimine bell'! Come stè?
Nù qua stame 'revutàte. Mù fatte nuttate e scjurnate....e ù belle è ca ù dottore dopo ca l'ha visitate a tutt'e 'ddojie, s'ha chiuse indre a cammere cù 'si concentra, e ancora nò si pronunzia.....stè pènse!
Eh! cumbà à situazione è cumblicate assajie.
Pò à masciàra.......eeeeeh! 'Bone quedd'........cu a scuse ca vè in tram, n'à chiamate a tutte TROIA, e pure jie pigghjie ù pullmàn tutte le matine ma nò me permette de usà male parole cù nisciune! Pure ca certe vote stonne certe scustumata ca te le tirene proprie da 'nkanne!   E mica s'ho mode quiste....
...pò s'ha 'girate verse cumbà Viciiinz, cà pe colpa sova ha skuasciate 0 fidanzamente cù quidde fiore de ùagnedde di Antonella, e l'ha ditte: "no ti conosco SEI UN PARENDE?"....puè 'magginà come ha rimaste 'brutte ù cumbàre.....Pò mbà Peppe l'ha purtate nù limone, cà quidd'otre s'ha fissate cu le limun' piccè 'u nipote l'ha ditte cà fanne 'bbene, ..... a masciara se 'gira e le dice:
"tu sei il PRIMO ME LO LAVI?".....E nù quà ne stè vidime a bell'..........
E quest' è a storia cumbà.

MIMINO
Madonn' d'u Carmn' Cummà Carmela bella, e quest'ije megghie de na pundat' de Sendier'... mo appart' le scherz' penzame cu ne mettime appost' c'u corp' e cu a mend' piccè tenim' na missione e n'amassè da sta storia, ca cenò finiscen' le fest' d' Pasqua e ije me n'agghia turnà a M'lan' cu stu buche nbrond'...
Mo spettm' ca u dottore se pronunzia e dopo ca se n'ha sciute v'dime accome n'ama organizzà.
Ije, mo m'azzett' bell' bell' sus a quedda seggia addà 'mbonn e me legg' 'u giornale...

CARMELA
Sine cumbà Mimì, e speriame cu se mette apposte soprattutte 'u cuerpe de mbà Peppe.
Cumbà, mittete pure sobbre a poltrone, tante jie stoche attinde, attinde alla masciare ca ogni tante se 'nesse de quarte e 'zzecche a strulicà................

PENELOPE Sempre in tono sognante, ma rivolgendosi direttamente ad Antonella

Troia... Troiaaa.. Troiaaaa!

I presenti sono costretti a trattenere Antonella, che quasi prende a mazzate Penny-Elena. Poi quest'ultima continua, in tono declamatorio

Ahh, Troiaaa, dolce luogo dove realmente incontrai l'amore, ove davvero fui amata... Eserciti di re si scontrarono in nome della mia bellezza...E qui, e qui, invece? Sono circondata solo da ancelle e faccendieri, dei quali non comprendo il fine: perché siete intorno al mio letto, forse attendete che anch'io, come il cieco cantore che narrò le gesta di Troia, possa illuminare le vostre menti?
Eh, sì, sicuramente è così... Ora, lentamente comprendo che dal regno dell'Ade ebbi un premio grandioso: incarnarmi in un un altro corpo, per spargere ancora l'amore nel mondo, e donare agli uomini la conoscenza che solo nel mondo dei morti è possibile avere delle cose dei vivi...
Radunatevi, o donne e giovani uomini, attorno a me... Tu, o mio Paride, stammi vicino, sostienimi in questo racconto, se mai dovessi venir meno... E tu, vecchio Priamo sofferente: il tuo volto tirato testimonia il desiderio di condividere il mio dolore, ma dal tuo incedere eretto traspare regalità. Anche tu, siedimi vicino...  Invece tu, ancella [si rivolge ad Antonella, che la guarda furibonda] porta a costoro i frutti prelibati di questa terra e del buon vino, che vedo in quegli strani contenitori verticali rossi e blu e sii disponibile ad ogni loro comando...
Tu, che mi appari invece donna saggia, che ho sentito nomare Carmela, sicuramente, come me, altro non sei che l'incarnazione di Ecuba: siedi vicino al tuo Priamo e intervieni quando la sua regale attenzione potesse venir meno...Ora, davvero ricordo: io fui qui convocata perché ognun di voi mi ponesse grandi interrogativi.
Ed io fui mandata, mitica creatura, perché solo io conosco tutti i misteri del buco: ora solleverò la nebbia dai vostri occhi, cadranno le tenebre e tutti i buchi saranno illuminati nei loro anfratti...

Mentre tutti attendono frementi le rivelazioni della masciara, quasi disinteressandosi delle sorti del malato, si sente bussare alla porta…. entra U’ SINNECHE

Permesso? Scusate il disturbo e la visita senza preavviso....
No' pe sapè l' fatt' vuestre ma pe regulà le mije, ma l'avit'acchiat'a dretta pe stu' fatt'd'u buche?
No', piccè ha venute Archibald a casa e m'ha ditte: "I beg your pardon, Mr. ma in giro corre voce che Voi abbiate qualcosa a che fare con un certo buco di cui non ho notizia; ovemai la cosa fosse da attribuirsi ad una negligenza della sarta che non ha prontamente riparato qualche calzino, vogliate comunicarmelo acciochè possa prendere le opportune decisioni".
N'zòmm', Archibal ha capite ca se stè dice in gire ca ije voche giranne cu nu buc'int'all' cazett'; ije me gire e me vote e vedo scritto sobbra ai muri jasteme e sinanghe all'megghie muert'd'usinnache p'stù fatt' d'u buche... ma piccè no' chiedite a Mr. Tamburrine ca stè alla Spezia ci ne sape qualcheccosa, ca quidde già face l'amministratore d'u Purtuse, hai visto mai ca tra na cos'e l'otra s'ha mis'mminz' pur a st'otre buche...
Comungue, c'ha success' a u cristiane aqquà? Madonna meje accome pare brutte, ecceccòs! Jè ver ca stama a quaresima e a lutto p'u Signore, ma quiste pare ca stè fac'a parte de l'anima de Biacocche accome stè curcate e chiù muerte ca vive!
Sintiteme a mè, lassate stà tutte ste studecarie de limone e brodine e imodium e chiacchiere e nucedde... scè pigghiat'l' na bella canadese ghiacciata e doje o tre purtate de rise patane cucuzze e cozze e vidit accome s'arripigghia subbete subbete, otre ca le chiacchiere; a bonanema de nonnema semp' diceva: u rise te mantene'tise, no agghie mà capite cè significa ma c'u deceva jedda era giust'afforza.
Mè, faciteme scè mo' ca agghia scè fa nu servizie ca no' pozz' mannà nisciune, avugurie a tutte e a quidde curcate chiù de tutte!

Usinnache se ne va lasciando tutti un po' sconcertati per il suo intervento estemporaneo, ed in attesa delle rivelazioni della masciara

CARMELA
Uh! Gesù!  Pure 'u sinneche mò, s'ha 'mmiate e ha venute luenghe, luenghe fine a quà appene ha sapute d'u buche....e quiste sò proprie nummere.........
prendendo carta e penna e sedendosi al tavolo
....... allora vidime nu poche.......
'u buche........fasce  88,     le cumbàre......31,     'a riunione.......48, 'a diarrea......58,     'u limone..... 72,    
 à masciara...... 50,      u sinneche............
Silvio, cumbariè. Senti mi devi dire come posso fare a trovare una cosa  coll'ETERNIT..........
......com'è, ma vide nu poche stu scrianzate. Jie le dummanne nu piacere e jidde 'nanze a tutte me manne a fa 'NGOOL?  Ma le 'uagnune di osciadìe nò tènene proprie nisciùna vergogna! Ma vide nu poche.
Scusa cumbà Peppì, e tu ninde le disce? Mi dispiace che è nipotte ma no tène nisciùna 'ducazione...............
Hembè! Cumbà, tu mi canùsce jie quire ca tenghe qua, tenghe qua
indicando lo stomaco e la bocca
Eh! Tu uagliò a sapè ca fine a mò nisciùne m'ha date ancora 'a patent' de fesse, eppure àgghie a c'è 'fà cu cristianùne de megghie a megghie, e tu mo te ne viene friscke, friscke da Milan'.... Sè c'è ti diche? Pe mè te ne puè turnà de 'ddo e venute, va belle va!
Poi allontanandosi borbottando
..... a me dice  .....  "va cu GOOL"..............sseh!
avvicinandosi al divano
Naaaaaa! e nisciùne me chiame ca queste stè parla! …Sintime sintì!

Penelope-Elena, sempre in stato di trance, mentre tutti pendono dalle sue parole, comincia la divinazione
Ahhhh, già oscuri segni s'addensavano, fin dall'antichità sulla città dei due mari!

I primi buchi furono Greci, anzi, Lacedemoni: e furono quelli delle vergini che furono illeggittimamente ingravidate dai nobili spartani, e generarono una stirpe reietta.
Partirono, costoro, rinnegati, da Sparta, ed io stessa incontrai le loro anime, nell'Ade: attraversarono il mare e fondarono, di fronte a due mari, una grande città, nella quale i figli di Troia... aehmmmm... i figli di Sparta (scusate, sono ancora confusa...), i Parteni, avrebbero a loro volta figliato, conquistando le donne, popolando rapidamente le coste, , coltivando strane e appetitose creature in una negra corazza e producendo peccaminose ed eccitanti bevande spumogene...
E i buchi crescevano e si moltiplicavano: fu una città ricchissima, di uomini colti, di splendide donne, di grandi piaceri e lascivie... Ahhhhhhhhh, quante volte, dall'Ade, sospirai di incarnarmi in una tarantina, ma il massimo dono mio fu quello di essere assaporata come "cozza pelosa", che ben non capii cos'io fossi...
Secoli e secoli passarono: la città, ricca e invidiata, fu dai Romani assediata e tramutata, e ori, gioielli, templi, ricchezze, proprio come per Troia, sparirono, nelle casse di Roma...
E quello fu l'altro buco: le donne, gli uomini della città non poterono far altro, per sopravvivere, che continuare a coltivare
nel mare le appetitose creature nere e a perfezionare la ricetta della bevanda dell'oblio (che, sottolineo, giammai manca dalle mense degli dei dell'Olimpo e tra gli abitatori dell'Ade... ehmmm, pure io, ogni tanto, me ne bagno le labbra...)
Ohhhhhh, ma vedo che ognuno è sconvolto da tali vaticinii: ma ancora molto vi sarà svelato del mistero del buco, finora celato!!

VICIIINZE
Na nà ha turnato l'ammore mio.
No je ninde Penelopa, lassela stà a quedda, j'è a sore de Didino ca a tène cu mmè pu fatte de le mazzàte ca.......s'addurmesciùte ann'otra vote! Ah ,no stè struculescie arrete!
Bella Peneolpa mia, sarò per sembre il tuo amoro.... ma nò stringere accusì forte, me stè schatte le costole.
La bacia….

Intanto, la personalità della masciara comincia a riemergere
Ehhh, e ce sta succedi mò? E vui ci siti?? E piccè mi sta uardate comu ci era na Veniri o na paccia??
E ce, hatu stutichitu? Ihhh, pillààààà.... Vicienzu miaaaaaaaaaaaaaaa.... e ci eti quedda femmina anchocchi a te, ca ti sta mancia cu li uechhi cilesti?? Aaaaahhhhhhhhh, tratimientuuuuu!!
Sviene di nuovo... Attorno a lei, tutti sbigottiti. Si risveglia nuovamente lo spirito di Elena, che guarda, sognante, Antonella
Ohhhhhhhhh... buco malefico, buco tarantino.... Ahhhhhhhhh, Troia, Troia, Troia!!
Poi riprende, sempre trasognata
Ma è arrivato, ormai, il momento di svelarvi l'arcano: il buco tarantino si allargò, nei secoli, sempre di più: per sanarlo vendettero la città e lì dove scorrevano i ruscelli e pascolavano gli agnelli, sorsero oscure ciminiere, lì dove c'erano i templi costruirono casermoni, lì dove il cielo era azzurro ci fu solo un orizzonte di polveri marroni...
Rimase solo il mare, ancora azzurro, ancora col suo moto eterno...
Ma il buco non si chiuse: non ci fu tiranno, podestà, governatore, presidente o sindaco che riuscisse, col suo sacrificio a chiudere la voragine... Divenne sempre più grande, un enorme, irriconoscibile mostro...
Fino a quando, infine, questo non divenne un vero e proprio ingresso dell'Ade... Ma qui il mio compito finisce: vi saluto, o miei sudditi adorati e mie ancelle.
Qui, improvvisamente, si trasforma nuovamente nella masciara, tornata di nuovo lucida
Ehhhhh, mò vi lu ticu iu ce si tice a Francaidda: si tice ca li cuvirnanti ti Tarantu hannu fattu carni ti puercu, anzi, comu si tice, s'hannu spartutu la tonica ti Cristu pi 30 anni, ti quannu rriò l'Ilva e si zziccò a vinnè la città...Alla fine, rriò na femmina 'mbrugghiazza e amanti tilli sordi, ca sirai pi' 'ngenuità, sirai pi' picca furbizzia, la pajò pi tutti: e qua tutti manciaruni, e tutti hannu statu cicati...
Ma mo' hammà spiccià... e iu, zingara franchiddesi, puru ca no tegni soluzzioni, vi ticu 'na cosa: ca sulu a ci ama veramenti faci la uerra pi l'amori sua...E ci iu mi pigghiu Vicienzu mia
lo abbraccia con trasporto
puru vui, tarantini, v'hata ripigghia Tarantuvoscia!!
Tutti si abbracciano allegramente, compaiono casse di birra Raffo e panari di cozze, si festeggia

Didino parlando a tutti
E queste è a storie d’u buche de Tarde Nuestre. E je’ a storie, pure, de come, da nu' bbuche, ponne nascere, ammore, gelusije,  resate e mazzate. E’ pure ‘a storie de ce le solde se le pigghie e de ci le solde le perde.
E’ je' 'a storie, pure, de uagnune e de uagnedde aggarbate, ca stonne luntane da sta’ citta’, e che a sta citta’ le volene bbene assaje. Comunque, viste ca quanne parle m’embrogghie, e p’a cummuzzione me ‘ngappe 'a lenghe e le jamme me fanne Giacomo Giacomo, m’agghie scritte ‘u finale suse ‘a nu' stuezze de carte.
Frugandosi nelle tasche, prima con calma poi con aria preoccupata fra se’ e se’
mannagghie, ma addo’ l’hagghie mise? Vide bbuene Didi’! no pue’ ffa’ sta fegure da ninde !Teneve pure le solde! Matoooooooo!
Fruga in fondo fino ad estrarre la fodera interna delle tasche e trasalendo
Naaaaaaaaaa, e ce je’ a qqua’?………………. Matooooooo ce bbuche ca tenghe ‘mpote !
tra il divertito e il preoccupato
Carmelaaaaaaaaa, Carmelinaaaaaaaaaa, ‘u buche….’u buche a ‘qqua’ stave, na na e mo s’ha sciangate e moooooo? hamme fatte tutte stu’ casine! No Uagnu’ no ve ne sciate, na na l’agghie acchiate ‘u buche! E meeeeeeeeeeeee! Uagnu'
tutti i presenti scoppiano in un liberatorio…
V A F F A N G U L E    D I D I’

Ultimo aggiornamento ( domenica 26 agosto 2007 )
 
< Vid quidd d'apprim.   Vid 'nnotre. >
 
Top! Top!