Home arrow Cultura arrow Brani MP3 arrow Cozzar songs
domenica 12 luglio 2020
 
 
Cozzar songs PDF Stampa E-mail
L'ha scritt Administrator   
sabato 06 ottobre 2007
 Quante volte sotto la doccia, in automobile o in coda all'ufficio postale abbiamo canticchiato "canzoni cozzare", parodiando canzoni famose?
Beh, se cliccate qui vedrete che abbiamo cominciato a raccoglierne qualcuna... gustatevi le prime liriche che abbiamo raccolto e, se vi va, arricchite la compilescion.

Comincia Carmela "jatta acrest'" immaginando un dialogo tra marito e moglie, sulla base di "Rose rosse"
 
COZZE NERE
(Sull'aria di "Rose rosse")
(lui)
<Cozze, vino e bignè,  ho comprato stasera           
e il tuo cuore lo sa  cosa voglio da te…
… Di cozze non si muore e non mi so spiegare
perchè dici che tu, da quando le hai mangiate,
sarà perchè avariate,
dal bagno vai su e giu.
Ormai non ci son cozze che non son depurate,
quindi chissà cos’è… che ti avrà fatto male, solamente a te.>
(lei)
<Forse le cozze son buone come dici tu,               
ma quelle cozze mi hanno  fatto male perciò...
cozze nere crude,  non ne mangio stasera ,           
che il mio stomaco sa i dolori che ha.>

(lui)
<Di cozze non si muore, e senza cozze io,non so vivere più.
Con l'ultima speranza, stasera ho comprato, Cozze, vino e bignè.
Le cozze che mangiasti forse erano avariate,
amore sai perchè…
non eran depurate,  quindi senza rete. >

(lei)
<Forse le cozze nere,  son sicure ma tu,             
non sai che cosa ho passato e parli così.                               
Cozze nere per te,  pulirò questa sera,                 
ma il mio stomaco sai, meglio manco le veda. >

E sempre Carmela, rimanendo in coppia...
TU
Tu,  stiamo qui, stiamo la
ci son cozze a cena e tu, dimmi si, se ti va
L’impepata è forte e tu
Digerisci non più, di frutta e verdura, tu
 perché tu come me Sei sempre a dieta.
Tu che cozze non ne hai
Nel tuo frigo pieno solo di yogurt e mais
Se le assaggi tu sarai più contenta che mai,
baci da un minuto tu mi darai, mi darai
e felice mi farai.
Tu, la mia donna sei tu
Ma anche la mia rabbia in più,
ed un po’ di follia
quando dici che le cozze son sporche e che tu, non le sai aprire….
Te le aprirò, e anche a te
dopo io l’insegnerò.
Le aprirò, poi cucinando sveglierò
Chi sta affamato più di me
Al mondo siamo io e te ragazza triste
Aprirò, le cozze perché scolino,
mentrè il sughetto cuocerò
spaghetti o tubettini, scegli tu
…basta che poi mangi un po’…
 
Non c'è due senza tre, e ancora Carmela, propone...

24 MILA  COZZE
(Sull'aria di "24mila baci")
Na grammedde,
devo mangiare…
Con 24 mila cozze
oggi saprai perché un cozzaro
vuole ogni giorno mille cozze,
mille birrozze svuota all’ora
Con 24 mila cozze
felici vivono i cozzari
dei giorni splendidi perchè
sazi di cozze  e di birre.

Niente cozze avariate
non le sciupare cucinate
sul’u limone addà mettè…

Con 24 mila cozze                
molto più erotico è l’amore
nei tuoi giorni di follia
meglio del viagra dan vigore
Con 24 mila cozze
oggi saprai perché un cozzaro
vuole ogni giorno mille cozze,
mille birrozze svuota all’ora

Con 24 mila cozze
felici vivono i cozzari
dei giorni splendidi perchè
con sesso,  birra e cozze.

Niente cozze avariate
non le sciupare cucinate
sul’u limone addà mettè…

Con 24 mila cozze
qualche disturbo puoi avere
se le mangi senza limone
insopportabile è il dolore
Con 24 mila cozze   
ti tocca andare sempre in bagno,
un giorno orrendo sai perché:
Con 24 mila cozze ti viene la dissenteria
Che 24 mila cozze …son proprio tante credi a me!

Al tris di Carmela risponde Lulù con una doppietta:

COZZE NERE
Cozze nere per te
Ho cucinato stasera
Il tuo palato lo sa
Cosa ti aspetterà

Di tifo non si muore
E non ti so spiegare
Che sapore c’ha lei
Da quando l’ho mangiata
Sarà che l’ ho gustata
Ma io vivo per lei
E ormai non c’è più piatto
Che mi risulti adatto
Amore sai perché?
Nel piatto e nella tiella
Non voglio altro che lei

Forse in amore le rose
Si usan di piùùùùù
Ma queste cozze sapranno
parlarti di meeeee

Cozze nere per te
Ho cucinato stasera
Il tuo palato lo sa
Cosa ti aspetteràààà!

IL BALLO DELLE COZZE
(Sull'aria de "Il ballo del mattone")

Non essere geloso se con gli altri prendo il tè
Non essere furioso se con gli altri faccio il bis
Con te (ye ye)
Con te (ye ye)
Con te che sei la mia passione
Io mangiooooo
Le cozze col limone

Non provocar la lite se con gli altri brinderò
Non farmi le scenate se con gli altri cenerò
Con te (ye ye)
Con te (ye ye)
Con te che sei la mia passione
Io mangiooooo
Le cozze col limone

Lentamente, guancia a guancia
Me ne mangio a mundon’
Tu mi dici: “Le ho pescate
Stamattina proprie abbasc a Tramando-o-n!”

Non essere geloso se con gli altri … (ripeti come sopra)

Finalmente un maschietto, Davide "Vurpik" offre un brano di classe sull'aria del successo del 2003 di Mario Venuti:

(A)Veramente

Sembrava impossibile potesse capitarmi
Invece mi è successo veramente, veramente
Veramente, veramente
Facevo finta di fregarmene di te
Per rendermi più interessante
Ma adesso sono solo veramente,
Veramente, veramente
La piazza (Fadini) grida il tuo nome
Con il limone ti risveglierai come un fiore
Come un fiore
Dovresti imparare ad aprirti un po' più spesso
Se mi volessi bene veramente
Ché tra le zoche che mi portano ce ne sono di più sincere
Riflettono il sapore
Adesso stai fingendo veramente,
veramente, veramente
Veramente, veramente,veramente
La piazza (Fadini) grida il tuo nome
Con il limone ti risveglierai come un fiore
Fammi vivere una nuova emozzione
Fammi vivere una nuova staggione
Fammi vivere una nuova emozzione
Fammi vivere..
veramente, veramente
La piazza (Fadini) grida il tuo nome
Con il limone ti risveglierai come un fiore
Come un fiore
Sembrava impossibile potesse capitarmi
Invece mi è successo veramente
Facevo finta di fregarmene di te
Per rendermi più interessante
Ma adesso sono solo veramente
Fammi vivere una nuova emozzione
Fammi vivere una nuova staggione
Fammi vivere una nuova emozzione
Fammi vivere..
Come una cozza
La piazza (Fadini)  grida il tuo nome
Con il limone ti risveglierai come un fiore
 
 
COZZA
(Sull'aria di "Cuore")

Mia cozza,
tu stai crescendo,
cosa posso fare per te.
Mi sono  intossicata
per me, per me, più pace non c’è
Prima,  ridevo o piangevo
solo tu dividevi con me                                          
ogni pranzo, ogni cena,                                        
ogni minimo languor.                                                
Io calmavo con te,
tutti i miei tormenti,                                                
le mie voglie e la mia fame,                                          
da quando,  ho l’epatite
per me , per me , più pace non c’è.
Ti mangiavo sempre, sai                                
col limone   e col pane
e nel piatto tu dividevi con  me
ogni pranzo,  ogni cena,                                
ogni piccolo languor.                                            
Ogni giorno lo so sempre più                        
sempre di più, lo so, io soffrirò.                                
Oh povera me,  ho povera me                        
soffrirò di più, ogni giorno di più                          
ogni giorno, ogni giorno di più ,  di più, di più,    
ad ogni pranzo ad ogni cena                                  
ad ogni piccolo languor.                                      
Ogni giorno lo so
sempre più, sempre di più                                        
tu mi mancherai                                                      
Oh povera me,  oh povera me.


APRILA COSI'
(Sull'aria di "Prendila così")

Aprila così
Ti ci vuole la grammedda
Con un movimento solo
Ecco che la cozza è aperta
Certo che lo so, lo ripeterò
Non ti preoccupare
Le devi prima lavare
La zoca devi tirare sai?
Neanche questo sai
Allora stiamo proprio apposto.
Neanche questo sai ?
Perciò non ci sbrighiamo presto.
Ma che sciocco io,
pensa un po’ quante pretese
a parlar di zoche
a parlarti di grammedde
già imparata certo tu non sei.
E siccome è facile tagliarsi
Con il guscio di una cozza
E io so che tu non reggeresti
alla vista del sangue,
cerca di evitare movimenti  bruschi
e disconnessi come fai tu.
Nasce l’esigenza di  avvertirti
Per non ferirsi di più.
Comincia da qui,
con la solita prudenza
tu senza di me, mi hai detto
non sapresti fare senza.
Ma io già lo so, certo che lo so
Non ti preoccupare
So che avrò da lavorare.
Forse ci avrai ripensato già?
Certo io vorrei
Ti dirò quello che è giusto.
Certo che vorrei
Insegnarti  bene e presto
Incapace certo  non sarai!
E siccome è facile tagliarsi
Con il guscio di una cozza
E io so che tu non reggeresti
La vista del sangue,
cerca di evitare movimenti  bruschi
e disconnessi come fai tu.
Nasce l’esigenza di  avvertirti
Per non ferirsi di più.
Aprila così
Puntando bene la grammedda.


COZZE NERE COZZE PELOSE
(Sull'aria di "Acqua azzurra acqua chiara")

Ogni sera ritornar
Per cercarle abbash' a u Vast'
Domandare: "Quanto vuoi?”
E poi uscire insieme a lei
cu una busta chiena chiena
Di zoche d’ cozze p’looooos!!!

Cozze nere, cozze crude
Con le mani me le apro ad una ad una
Nei miei occhi
Trasognanti
Posso ancora ricordare
Il profumo del nostro mare puro
Puro come u mar d’ Tard’

tarattatatarattàààà

Ti telefono se vuoi
E ti invito pure a te
Accidenti che farò
Un’altra tiella preparerò
Ma da quando ci sei tu
P’ me non n’ stonn chiùùùù

Cozze nere cozze crude
Con le mani me le apro ad una ad una
Nei miei occhi
Pieni d’odio
Posso ancora dimostrare
Il mio rancore verso la tua fame
Piccè t’ l’è gnuttat tutte tu

Tarattata tarattata

Ma da quando ci sei tu, cozze p’mme no n’ stonn’ chiùù

Cozze nere cozze crude…


10 ZOCHE PER ME
(Sull'aria di "Dieci ragazze per me")

Ho visto un uomo
che moriva per le cozze
ne ho visto un altro
che più lacrime non ha.
Nessun coltello sai,
ne può aprir di più
di una grammenta ca le spacca a doije

Dieci zoche di cozze per me,
posson bastare!
Dieci zoche di cozze per me
non posso dimenticare
le zoche lonche da Carisciare
e depurarle poi, per non morire

dieci zoche di cozze per me!..
solo per me....

Una la voglio perche',
le devo arracanareeee,

una la voglio perche'
le devo fare tutte a puppetegn'

una soltanto perche'...
so Allattamate e tutte chien' chien'
e.e..e..e..

dieci zoche di cozze così,
son solo le TARANTIN'!!!

Vorrei sapere
chi ha detto?
che le mie cozze
Vanno Mazzeeeee,
matto!
quello e' proprio matto
perche'..
forse non sa
che ne depuro una
per il giorno,
una...per la sera
pero' quel matto mi conosce perche',
ha detto una cosa vera!
 
TEOREMA
  (Sull'aria della omonima canzone di Marco Ferradini)
Prendi una cozza trattala male  
lasciala cuocer per ore  
non metterci il sale e quando la volti  
fallo come fosse un favore  

e allora si vedrai che si aprirà   
menò la voltie più buona sarà
e allora si vedrai che si aprirà   
menò la volti e più buona sarà

nò caro amico non sono d’accordo  
tu parli da cuoco inesperto  
lei va girata e mò se bruciata  
e niente hai cucitano  

non esistono modi migliori      
basta mangiarle cosi come son     
vai giù a taranto nostra     
vedrai che una cozza è già in cerca di teeeeeee     

SENZA PELI
  (Sull'aria di "Senza fine"
Senza peli
tu sei bona ma senza peli
senza un attimo di respiro
per gustare
per potere strafocare
ciò che ho già bene pulito
Senza peli
tu sei buona se senza peli
non hai ieri
non hai domani
tutte state nelle mani
mani grandi
mani senza peli
non importa se son crude
non importa se son cotte
voi per me siete la luna
voi per me siete le stelle
siete proprio tutto quanto
tutto quanto voglio avere
senza peli....
na na na na na senza peli...
Ultimo aggiornamento ( luned 08 ottobre 2007 )
 
< Vid quidd d'apprim.   Vid 'nnotre. >
 
Top! Top!