Home arrow Societ e costume arrow Galateo e altro arrow Ci vne quarchedune!
mercoled 21 ottobre 2020
 
 
Ci vne quarchedune! PDF Stampa E-mail
L'ha scritt Carmela "Jatta acrest'"   
domenica 27 aprile 2008
 Quante volte abbiamo sentito questa frase!  Quando da bambini volevamo giocare nel salotto, sul divano o in poltrona…”No! Ca ci vène quarchedune po’ stè ‘rrevutàte” …. E non potevamo neanche giocare sedendoci per terra…”No! Ca ci vène quarchedune, te vède tutte ‘muscitàte”… Quando da grandi, nei giorni di festa volevamo stare a letto un po’ di più……”No! Ca ci vène quarchedune, ve vède ancòra ‘durmesciute”… Quando, per caso o per curiosità, trovavamo una scatola di cioccolatini e chiedevamo “Ma’ me ne pòzze pigghià une?” … la risposta era sempre quella: “No! L’agghie accattàte ci vène quarchedune”… 

E rimanere così sospesi con l’orecchio teso, sperando di sentire il campanello della porta, il cui suono annuncia sempre “quarchedune”. E in questa atmosfera Beckettiana, passavamo le giornate “aspettànne quarchedune”…… un Godot, sconosciuto eppur degno di tanto rispetto,  che si finiva per odiare perché irrimediabilmente bidonista. Era questo il tormentone causa della “sindrome dell’ospite inatteso“, il famigerato “quarchedune”  che oltre ad essere avvolto da questo alone di anonimato,  ha anche la fortuna di godere dei riti dell’ospitalità a lui riservati.

Ma chi è "quarchedune"?... ...L’ospite... che anche se a volte “affitèsce”, rimane sempre “sacro” e  deve essere accolto sempre bene. E’ importantissimo farlo sentire a proprio agio: “Prego, accomodàtevi… fate come a casa vostra…” Poi bisogna rifocillarlo offrendo, cioccolatini, caramelle o biscottini fatt’ a’ càsa… e se non vuole gradire, invogliarlo con frasi del tipo:
Prego assaggiàte… no’ facìte complimènti! …Quiste l’agghie fatte jie… no sò accattàte… E dopo aver assaggiato e doverosamente fatto  i complimenti alla padrona di casa elogiando la bontà del “complimento”, l’ospite caduto nella trappola si sente dire: …e pigghiàtene n’otre … ca come a quiste no ne mangiàte ‘chiù… e po’ une è pìcche… Per educazione non ci si può rifiutare. Ma appena finito di mangiare anche il secondo …: “…favorìte, un altro mè che doje è nu brutte nummere…” …e obbligatoriamente deve ingoiare anche il terzo! Ma non finisce qui….
L’ospite va anche dissetato, anche perché dopo tre pasticcini si sta “nudicando” (strozzando). Ecco che l’accorta padrona di casa esordisce con: ”Ve pòzze dà nu’ bicchirìne?”   (leggi: “Gradite un liquore?” perché in dialetto si usa nominare il contenitore per offrire il contenuto…)
E subito dopo: ”Mo ve fàzze assaggià nu resòlie ca agghie fatte jie…” In realtà all’ospite saranno portate diverse bottiglie di rosolio … ai vari gusti: limone, mandarino, alloro, mandorla…: “…tutte fatte da mè, genuìne…. Nòne come le fetenzìe ca vènnene … prego scacchiàte pure”. Dopo che l’ospite ha bevuto quello di suo gradimento… la padrona di casa, a sorpresa esce un’altra bottiglia che porge all’ospite dicendo:
V’è piaciuto?... e mo dovete assaggiare questo… l’ho fatto jie co’ l’essènza “Strega”… m’è venùte mègghie de quìre accattàte!”… A questo punto l’ospite pasciùte… ‘binchàte e ‘nciuccàte … decide di andar via e comincia a ringraziare e a salutare… mentre la padrona di casa gli prepara u’ fangòtte con qualche cumplimente … e qualche bottiglietta di resòlie … da gustare a casa per ricordare la sua ospitalità. Allora quando sei in casa in penosa attesa di quarchedune….meglio fare un’opera buona e interrompere l’attesa di qualcuno andando a fare “quarchedune” a casa di altri.

Ultimo aggiornamento ( luned 05 maggio 2008 )
 
Vid 'nnotre. >
 
Top! Top!