Home arrow Cultura arrow Vecchi ricordi arrow Stella maris
gioved 19 settembre 2019
 
 
Stella maris PDF Stampa E-mail
L'ha scritt Aldo "Diecipalazzine"   
sabato 06 settembre 2008
 Oggi si festeggia la Stella Maris. La storia della statua ve la racconto così:

Tjembe de uèrre. Mmjenze a mmare stave 'nu marenàre polacche  mbarcate sus' a na nave ca purtave le suldate. Ind'a quattre e quattr'otte 'u nemìche affunnò sta nave:

"Madonna mejeeee! Addò stoche?  So marenàre ma 'u mare osce me gnòtte.Damme 'na màne Madonna benedette, le vrazze no m'avasténe e l'acque me stè ccìde... addie Madonna mea! Ije me ne mòre... parle pe mme quanne vide 'u creatore.

Na! na! Citte citte... ce jè stu stuèzze de legne ca gallegge? Jè n'arvule. E come s'acchje n'arvule ind'a mmàre? Sule 'a Madonne le po ffà ste ccose... grazzie Madonna meje 'a vite m'hè salvate.
Uè marenare! damme na màne! Nghianàme stu ceppòne ca  'nu mestre amiche mije adda fa na statua granne p'a stelle ca da ngéle uarde a ci vè pe mmàre accom'a nnuje....
e così fu.


Ed oggi alle 17,30, questa statua viene portata in processione  da otto pescatori che la imbarcheranno in seguito su di un peschereccio per il tradizionale e suggestivo giro a mare.

Alle 18,00 la statua della Madonna era ancora nella fredda cappella della stazione ferroviaria. All'interno, una moltitudine di fedeli bagnati dallo scirocco ascolta la messa. All'esterno gli altri aspettano l'uscita.

Facce di mare, facce di pesce,facce di mamme sofferte in trepidante attesa. La nostra sesta vocale "oeu" risuona fiera nei dialoghi dei presenti, anche la mia "oeu" si libera alta nel salutare e parlare con amici dell'isola o de le "Tammorre".

Adagiate su due cavalletti, le sdanghe celesti che reggeranno il simulacro attirano l'attenzione dei più piccoli.Le manovre di discesa della statua sono come sempre laboriose. Gli otto pescatori vestiti con la maglia bianca, il fazzoletto celeste al collo,i pantaloni di tela jens tenuti in vita da una striscia di "rezza"sollevano la statua sul basamento e si apprestano a legare le spugne di spalliera sulle sdanghe...tutto è pronto...un'amato ordine "nguè" fa scivolare via le forcelle celesti.

La banda guadagna velocemente la postazione dietro alla statua, il crocifisso davanti fa da battistrada. E' strano come io sia ormai solito  considerare  le bande e le marci funebri dei Riti della Settimana Maggiore un tutt'uno tanto da avvertire una sensazione di dissonanza nel sentirle suonare pezzi più ritmati, è inutile, i Riti sono dentro, sempre di più.

Nel fiancheggaire la stazione ferroviaria, la processione cattura l'attenzione di qualche viaggiatore oltre che le ire di qualche automobilista frettoloso, e lentamente si snoda sul triste viale della stazione. Molte le chiamate di "furcè" in questo breve tragitto e nelle soste, i portatori scalzi si lasciano andare a suggestive e asincrone "nazzicate" per me tremendamente contagiose. Il desiderio di cullarmi a ritmo di musica mi cattura irrefrenabile...accòme a 'nu sarchiapòne mi commuovo...

La storia della statua della Stella Maris è legata indissolubilmente a quella della Madonna della Pace che racconto brevemente:

il 26 Agosto 1943 Taranto aveva subito un fortissimo bombardamento aereo che pur avendo come obiettivo il porto e la stazione colpì pesantemente la zona di Porta Napoli e quella del cimitero uccidendo circa 100 innocenti.
Le bombe avevano distrutto anche la chiesetta dedicata alla Regina Pacis presente in zona  che custodiva in una cappella la statua della Madonna della Pace. Il simulacro restò miracolosamente in piedi anche se l'occhio sinistro della Madonna fu scalfito da una scheggia.
Nella fase di ricostruzione post-conflitto bellico venne riedificata la chiesa distrutta che attendeva di ospitare nuovamente la Madonna della Pace...ma sta Madonne nonge arrevò maje...tanto che il Dottor D'elia (segretario generale del Comune) convinse l'arcivescovo Bernardi a reintitolare la chiesa alla patrona dei pescatori.

Si dovette così pensare ad una nuova statua che fu commissionata allo scultore Ferdinando Stuflesser (stufèsse Grossa risata) e che giunse a nella nostra città quando ancora la chiesa non era stata ultimata.La "nuova" Madonna venne ospitata all'insaputa dei più nella cattedrale, suscitando grande curiosità da parte dei fedeli che vollero fortemente credere fosse venuta fuori dal mare con l'aiuto dei pescatori e del polacco.

E quìste jè 'u fatte! Sorriso

Ultimo aggiornamento ( luned 15 settembre 2008 )
 
< Vid quidd d'apprim.   Vid 'nnotre. >
 
Top! Top!