Home
domenica 15 dicembre 2019
 
 
 
'U tire e moll' PDF Stampa E-mail
L'ha scritt carmela "Jatta acrest'"   
venerd 09 gennaio 2009

 No,  non voglio parlare di giochi ma di “saldi”.
I commercianti hanno atteso con ansia lquesto momento per poter alleggerire gli scaffali.
I capi più gettonati: giubbotti, cappotti, scarpe e stivali….
Tutti  “allo struscio ” per monitorare i negozi da “assaltare”  per  non perdere l’occasiòne… pe’ fa’  l’affàre  …  dove per "affare" non s’intende “comprare qualcosa a prezzo conveniente ” ma comprarla al prezzo più basso che i nostri parenti, amici , compari, conoscenti possono vantarsi di aver pagato per la stessa, perché la soddisfazione più grande è dire “ ije hagghie sciùte megghie… “ e vedere la faccia di chi invece ha pagato di più, che se ne esce col classico  “ m’ addò l’è sciù acchiàte?”  tu magari gli dici di un negozio in Via Cesare Battisti, Viale Liguria,  o nelle gallerie Auchan o Ipercoop, e loro che pur rosicando,  per  non darcela vinta esclamano  “ Ahaaa no,  ije l’hagghie accattàte in centre…”
E tu pensi: "e cè cèndre ? …"


Niente ma va così…da sempre, anche quando non c’erano i saldi e gli affari si facevano tra le bancarelle sparse qua e là…  perché una volta gli sconti e i saldi non  esistevano, esisteva la trattativa del prezzo e  chi non sapeva farlo si affiancava a qualcuno, di solito più grande, capace di fare l’indispensabile quanto odiato  tìr’e molle, che cominciava  con dei lusinghieri quanto falsi:  “ Giovane!... “  oppure   ” Maè!...”  rivolti al venditore ...

“…  quànte ne uè?”
“ a u’priezze ste pienze?...ma è vìste a qualità?... mò te l’accàtte e po’ m’a ‘benedìcere”
“ Sìne sì, ‘u sapìme, ma niente m’a ‘levà?”
“ te pozze levà sule le dìspere…”      

… di solito si trattava di poche centinaia di lire.

“ Madò com’è ‘divendàte carestùse! Mèeeena mò, ‘u prièzze ‘giust’a dicere!...”
“.. e te l’hagghie dìtte. No te pozze levà niente “
“Naaaaaa,  te crìde ca  chiòvene turnìse a casa mejie? me dispiàce m’accussì no me stè tratte proprie. U’ se’ ca ije accàte sule de ‘do te, ma tu no me ste face nisciune riguarde. Eheee ma tu no me tiène cundente  e ije me ne vòche.”
“ Viene qua, addò stè ve’? Sintìme quante uè cu paje?”
“L’agghie vìste a ‘notra vànne a’ metà de quante ne uè tune ... “
“ signò vì ca no ijè com’a quiste…”
“ no…no ….l’hagghie vìste proprie all’otre giurne, è proprie analeghe… tal’e quale “

E andava avanti così finchè…

“proprie piccè sì na cliende e vogghie ca te n’a scè cundènte e ‘a turnà ‘ddo me’ angore chiù cundente… Damme tànde …ma  no u’dicere a nisciune ca m’arruvìne!”
“ ...e quànne mai....ci mangherèbbe... miche me mette a dà u' bbanne...e po' maè no 'ffà accussì, ca ste 'bbone pajàte....”

E tornando a casa soddisfatte:
 
“ Àme sciute ‘bbuene cummà…”

 

 
< Vid quidd d'apprim.   Vid 'nnotre. >
Cr'stian online:
Get Firefox!
Ce timb st face?
Tardnuestr
---
Scanzavirus Avast!
avast! Home

 
Top! Top!