Home
marted 26 maggio 2020
 
 
 
La pensione PDF Stampa E-mail
L'ha scritt Peppe Nesta   
marted 10 febbraio 2009

 Buongiorno signora siamo dell’ INPS e vorremmo farle alcune domande a riguardo della sua pensione d’anzianità.

(L’anziana donna non apre la porta e guardando dallo spioncino vede una bella donna ed un uomo vestiti elegantemente con delle cartelline e dei documenti tra le mani)

Sèndite, je nònge pòzze apprè a pòrte piccè fìgghjeme Andòniètte m’ha ditte ca nònge hagghia apprè a nìsciùne!


(L’uomo)

Va bene signora, non si preoccupi, non apra, però possiamo farle delle domande e lei chiaramente se vuole ci può rispondere da dietro la porta.

Sìne vabbè, ma cèssò ca vulìte?

(Interviene la donna)

Allora signora noi siamo stati incaricati dall’INPS ad effettuare un accertamento sulle condizioni di vivibilità in cui versano i cittadini di Taranto.

Ah … piccè quacchedùne v’ha ditte ca hagghije mòrte?

No signora, assolutamente, anzi proprio per questo sua figlia Antonietta ci ha gentilmente richiesto di inserirvi in questa lista poiché ha esposto presso l’Istituto le sue condizioni di precarietà, e noi siamo qui per prendere visione della sua situazione e riportarla all’Ente.

Figghjieme Andònìette ve mànne? … naaa e cè ‘ngèndre mò l’Istitute … nò jè ca ha dicìse de pùrtarme aù spìzzie?


Nooo signora bella, (con un sorriso compiacente consapevole di essere osservata dallo spioncino) non c’entra niente l’ospizio … Antonietta ha fatto una domanda di integrazione della sua pensione.

E cè m’àvita luà chijdde quattre sòlde cà pìgghije? … Cè jè st’ìndegràzziòne mò …

Mi spiego meglio, lei quanto prende di pensione?

Cìnghecìndecinguànda euri!

Ecco signora, vede … da questa domanda si riscontra che la signora Battista Annunziata, madre di Battista Antonietta, percepisce il minimo della pensione e pertanto si richiede una integrazione, cioè un aumento della pensione di cento euro, ciò vale a dire che la sua pensione arriverebbe a seicentocinquanta euro.

Averabbùene ‘a vòcca vòstre jève dè zùcchere …

Vostra figlia Antonietta, mia carissima amica, ci ha chiesto di farvi visita e prendere in considerazione la vostra posizione economica per potervi aumentare la pensione.

Aah … amica di Andònìetta sei?? … e non me lo potevi dire àpprìma che ti fàceve trasè sùbbete?!


(Apre la porta e vedendo i due con un sorriso sfavillante ed un fare molto gentile, li fa accomodare in salotto)

Accòme te chiame? … ma je te canòsche o jè ‘a prìma vòte cà te vèche?

Io mi chiamo Manuela, …beh ci siamo visti un paio di volte o forse tre, ma non vi preoccupate … è normale che non vi ricordate … è passato tanto tempo … lui invece è Luca … un mio collega.

Vè pòzze preparà nù bèlle cafè, … o vùlite nù bìcchierine d’àmare d’ùcane?


(L’uomo)

No grazie mille signora, … sa, ne giriamo tanti e se dovessimo bere ovunque andiamo saremmo ubriachi … e poi io non bevo … sono astemio!

Bràve fìgghije! Sé vède ca sìte bbelle crìstiàne àggarbate! … Dìcite, cè vùlite sapè?


(Cominciano a fare un po’ di domande tipo questionario a cui la anziana donna risponde con molta sincerità, trascrivendo tutto su di una specie di prestampato) …

Lei ha soldi da parte? … ad esempio in banca o alla Posta o titoli di Stato o altro?

Nòòòne figghija mèje … àlla bànca … ma ca cè ssò stòdeche … da chijdde làdre … quanne càmbàve ‘a bònaneme dè màriteme l’honne spùgghijate sàne sàne … mò chijdde quattre tùrnìse cà tènghe me le ascònne ijndre aù cummò … stònne chiù secùre!

Eee … così giusto per curiosità, … quanto riesce a mettere da parte ogni mese? … stia tranquilla che non lo scriviamo sul questionario … queste sono cose private, tra me e la madre di una mia carissima amica.

Dàtese ca … vùje vìdite ca sò vècchie e àccòme le vicchije cùnzume pòche e mànge accòme l’acijdde … me rìesche a mett’re cèrte vòte cìndecìnquànde … otre vòte dòcìndecìnguànde … addepènde da quìdde ca tenghe dà pajà come bùllette ‘a fìne d’ù mèse … e a fìne anne tènghe nù pòche dè sòlde ca pòtene servè ‘a Andùniètte … e tènghe pùre le sòlde pè ù fùnerale mije, ca quànne e pìgghije hagghije mòrte … e nònge vògghije dà fàstidie a fìgghijeme e scìneme.   

..... Vi chiedo scusa signora, potrei andare in bagno?

Cà mànghe fìgghije … t’accumbàgne!

Nò, state comoda, vado da sola … è lì dietro vero?

………..


(Torna in salotto, si rimette la giacca e fà cenno al collega che possono andare)

Bene cara signora, noi andiamo via, sapete … abbiamo ancora molte visite da fare. Salutatemi Antonietta e ditele di venirmi a trovare in ufficio. Farò di tutto per accontentarvi e darvi quell’aumento sulla pensione.

Gràzzie fìgghija mèje… ù PàdreEterne cù ttè bènedìce … e quànne vulìte tùrnate, màgare quanne stè pùre Andùniètte cù ù màrìte e le pìccìnne sùve … e ne pìgghijame nù bbèlle cafè ‘nzìeme còmede còmede!

……..   

pepp’nest’


Nota: 
I nomi dei personaggi sono puramente di fantasia e l’Ente, a cui chiedo scusa per l’utilizzo nella mia storia, è citato solo indicativamente come importanza del titolo di cui molti malfattori hanno abusato.   

Giuseppe Nesta

 
< Vid quidd d'apprim.   Vid 'nnotre. >
Cr'stian online:
Get Firefox!
Ce timb st face?
Tardnuestr
---
Scanzavirus Avast!
avast! Home

 
Top! Top!