Home
mercoled 05 agosto 2020
 
 
 
A' lettere de l'avvucte PDF Stampa E-mail
L'ha scritt carmela "Jatta acrest'"   
venerd 05 giugno 2009

 Ciòdda  sta tornando a casa dopo essere andata al mercato per la spesa giornaliera e si incontra col postino:

“Bongiorne  Mingù, tutte appòste?”

“Da mettere Ciò, appropò na, nà  stè na’ lettere pe’ vujie. Va dòche ammàne cussì affranche cu va mette indre….”

Ciòdda cogliendo l’allusione:
“ Eh,  Mingù tu sembre na cape tiene, ma a sta sciammèreche non n’appienne fuse!  C’è stè? Na lettere? E ci è?”


Il postino legge  il mittente:   ” Avv.  Salvo Sentenza”

“ N’avvucàte? …e … scusàte ci apprufìtte ma agghie lassàte l’occhiale ….alluzzate nu picche a ci l’hanne mannate sta lettere? “

“ Famiglia  Piccione – Pulito ... Vico Zippro….”

“ Naaaaaa …. A me e a marìteme?  N’avvucàte? E ce cosa àme fatte?  Mah! Cose  de pacce…”

“ Bongiorne Ciò”

“Eh! Speràme”

Ciòdda entra in casa, mette a posto la spesa … e pensa alla lettera
Si mette alla cucina a preparare il pranzo … e pensa alla lettera
Intanto rientra Gaetano.


“Na Ciò, òsce ne mangiàme na frutta nòve, agghie accattàte do' ciràse, vide vì come so belle.”

Ciodda senza neanche girarsi:
“ Si sì. E dimme nu picche, fòre a frutte, m’ha fa sapè quarc’otra nuvità? “

“Jie’?”

“Si tu! Piccè ste quarcun’otre qua indre?”

“Eheee Ciò, no azziccà! C’è jiè stu nàppe? Tiene nu muse quande osce e cre’”

“Caità è inutele ca lucchele.  Sobbre a culunnètte all’entrate stè na bella nuvità….”

Gaetano vede la lettera

“Na lettere? E ci ha scritte?...”

Legge: “… Avvocato Salvo Sentenza…E ci è ?”

“Ah! Beh! A cuscenza mejie è pulìte, jie sò nnucènde, no ne sacce niende de niende e no penze ca n’avvucate se vòte de quarte e manne lettere a ci sìa sìa no?”

“Beh Ciò, jie sò buene e care ma quanne face accussì me face proprie perdere a pacènzia. Sì capàce de me fa venè le nierve da sotte le carcàgne…”

“ Ah sì, te venene le nierve?  E jie c’è hagghie dicere ca senza cu ne sacce niende veche u’ nome mjie a truzzelune apprièsse a u’ tue? E liggiùte?  Famiglia Piccione - Pulito  stàme tutt’e ‘ddò!”

“ Eh dàlle! Hagghie liggiùte ma ci te diche ca mànghe ije ne sacce niende m’ha credere Ciò!”

Stizzito Apre la lettera e comincia a leggere….poi comincia a ridere, Ciòdda   si  volta infastidita:

“ma c’è ste ride? Caità ma c’è niente niente è perse le siense pe’ u dispiacère? “

“ Ma c’è, nònge m’hagghie mai sendùte megghie. Siènde siè ca te fàce do resàte…..”

“Caro cittadino,
sono un tarantino, nato e cresciuto in questa città, vivo e lavoro in questa       città, e stanco di sentir parlare di dissesti, diossina, cassa integrazione, buche, spazzatura ho deciso lottare e di fare qualcosa di concreto per far rinascere questa città, mi sono candidato.
Se anche tu sei stanco delle parole devi solo fare un segno di croce sul simbolo del partito che sono fiero di rappresentare.
Sabato e domenica VOTAMI  mettici una croce sopra, una sola semplice croce, che segni in modo concreto le speranze e il futuro della città e di tutti i tarantini.”


Ciòdda ridendo

“U’ vote vò acchiànne? Me credève sìe c’è era?... Scuseme Caità. Mah! Megghie accussì, mangiàme và “

Si siedono a tavola e mentre mangiano Gaetano … pensa alla lettera.

“C’è Caità, c’è ste pienze?”

“A' lettere Ciò.  Dice de mettere na croce … ca nujie stàme già tanda ‘ncrucifissàte. Dice ca ta mettere Tàrde appòste, ca sùle cu sta lettere n’ha fatte arrajà come jatte e cane, figurete tu mo’ ci quiste se mette a cumannà…”

“Caità, tutte chiacchiere, ormai le canuscìme ste vàsce caitàne, tutte prumèttene, dìcene ca lore hanne aggiustà, hanne fà….. ma pe nujie no cànge mai niente.”

“E’ raggiòne Ciò, avòglie e ne ntussecàme u’ sanghe, quiste so’ tutte come Marta ‘a piatòse.
Ma prime o poi …….”


Carmela, senza se e senza ma…. Ma tanti perché.

 
< Vid quidd d'apprim.   Vid 'nnotre. >
Cr'stian online:
Get Firefox!
Ce timb st face?
Tardnuestr
---
Scanzavirus Avast!
avast! Home

 
Top! Top!