Home
mercoled 05 agosto 2020
 
 
 
PAHEST ( ngozzie) PDF Stampa E-mail
L'ha scritt Peppe Nesta   
marted 07 luglio 2009

 Entro in un negozio e dico: “bàriluz” (buongiorno)

Il tizio mi guarda un po’ stranito e mi risponde: “bàrighishèr” (buonasera)

Ebbeh … tène ràsciòne ù crìstiane … so le sèttemmenze dè sère e je lè dìche bùenadìe … ma me pàre ca ha càpìte cà sò fùrastiere …

Comincio a guardarmi attorno, nel suo bazar ci sono davvero molti oggetti davvero belli, soprammobili, quadri con cornici intarsiate, sculture in legno, bambole ed oggetti antichi, più in fondo ci sono anche degli scaffali con su jeans e magliette, tutto a firma dei migliori stilisti europei.

L’uomo si avvicina e mi fa: “Inz as sà àpe” (dìmme fratè)


Àpe … fratello … mah … gli sorrido e dico: “cumbà, ùzumem tes nèl!” (dòche sùle n’òcchiàte!)

Lui mi risponde: “Appò ape” … ed io di rimando: “appò” … hehehehe pènze pròpre cà né càpime!

Ci sono dei bellissimi cofanetti in legno con i coperchi laccati, le decorazioni riportano delle scene da favola, coppie abbracciate amoreggianti, principesse tra i fiori, bouchè floreali, animaletti vari, tutti sono realizzati con colori pastello sfumati e delicatissimi.

Ne afferro uno, riporta una scena principesca d’altri tempi, lo ammiro quasi estasiato …

“Cùmbà ìnch arji?” (cùmbà quànde còste quìste?)

“Ieresùn hazàr dram!” (trèndamila dram)

“Miiinghie … shatà!” (perbaccolina … jè assaje!)

Rimetto dolcemente il cofanetto al suo posto e proseguo il giro, vedo una riproduzione in legno di uno scarpone a cipolla rotto, davvero strano e bello, gli chiedo: “eee… ìnch arji?”

“Ieresùn hing hazàr dram àpe!” (trèndacinghemìla dram aù fràte!)

“E mìnghie cumbà … cà nò ne canùscie tùrnìse ù sìgnurìe!”

Mi guarda arricciando le sopracciglia verso il suo grosso naso …

Lo guardo ammiccando un mezzo sorriso e gli dico: “ije nò spìkke armiasky … ije itagliansky, … pròpre pròpre tarantisky!”

Sorride e dice “haaaa … italianski … Toto Cutugno, Adriano Celentano, Pupo!”

“Eh eh eh … Pupo, pupàzze e càpe dè càzze!”

Riaggrotta le sopracciglia e smette di sorridere … penso abbia inteso giusto la parolina magica.

Faccio finta di niente e continuo a guardare i suoi preziosi ma anche costosi oggetti.

Intravedo una bella statua tutta intagliata, raffigurante un antico guerriero della steppa, mizzica se è bella, senza toccarla gli chiedo: “e… ìnch arji?”

“Ùth hazar dram!” (òttandamìla dramm!)

“E klìr cùmbà … kàtaghaz es!” (e pìzze cùmbà … sì pàcce!)

“Àpe … du himmar es! … rad egheì!” (fratè tù sì stùedeche! … vàttinne và!)

“Ma pìccè me chiàme àpe … nò jè ca àttaneme s’acchiò pàssanne dàll’Armenie àttantd’anne àrrete?”

“Rad egheì àpe … rad egheì!” (vìde cù te ne vè fratè … vattinne!)

“Minghije cù stù àpe … drhek … pahester pàghì iev ghna knelù!”   (perdincibacco con questo fratello … giòvane … àchiùde ù nègòzzie e vàtte ‘a cùerche!)

Penso di averlo offeso, al che con la faccia aggressiva e quasi urlando esclama: “Mère kùnem àpe … mère kùnem!” (vàfangùle fratè … vàfangùle!)

Mi avvicino alla porta di ingresso, prendo il telefonino dalla tasca e mostrandoglielo gli dico: “cùmbà … mò tèlèfone a àttaneme e né cànde doje … kùnem beranèt stuè!” ( adesso telefono a mio padre e glie ne dico due all’ùse mìe … vàfammòcche stuè!) 

Questa volta penso che non abbia capito, forse ha frainteso, allunga una mano  e comunque mi dice ad alta voce: “inch es a sùm … inch es a sùm??” (cè ssò ca è dìtte … cè ccòse è ditte??)

Apro la porta pronto a darmela a gambe e giusto per concludere la spiacevole conoscenza con l’individuo gli dico: “àpèll’ … mò t’ù dìche … m’è rùtte pòpre ù càzze … sé cè stè … kùnem màmit beranèt … a tè e ‘a ràzza toje!”  (àpell’ … adesso te lo dico che mi hai guastato la serata … sai che c’è … vàfammòcche à màmete a te e tutto il tuo parentato!)

Mùdùùùùù … angòre stòca scàppe!

 
< Vid quidd d'apprim.   Vid 'nnotre. >
Cr'stian online:
Get Firefox!
Ce timb st face?
Tardnuestr
---
Scanzavirus Avast!
avast! Home

 
Top! Top!