Home arrow Società e costume arrow Pass'a me ca so' veloce! arrow TARDE – VERONA = 0 A 0…GIULIETTA E’ ‘NA COZZE!
mercoledì 21 febbraio 2024
 
 
TARDE – VERONA = 0 A 0…GIULIETTA E’ ‘NA COZZE! PDF Stampa E-mail
L'ha scritt Aldo "Diecipalazzine"   
lunedì 30 novembre 2009

 Se questa è  Giulietta allora Romeo no capive ninde de femene… ehehehe. Sicuramente una squadra quadrata e attenta ma credevo che Giulietta fosse cchiù bbone.  E nuje ame rumaste assutte assutte… il  Taranto “Romeo”, ha sciute mazze. All’urme proprieeeee. Parafrasando Shakespeare : Che significa segnare? Nulla: Non una mano, non un piede, non un braccio, non la faccia, né un’altra parte qualunque di un calciatore. Che cosa c’è in un gol? Ciò che noi chiamiamo col nome gol, anche se lo chiamassimo col nome rete… sempre tre punte so! Ehehehe. CORONA s’ha gnuttute ‘nu cape gol, sule sule nnanze o purtiere. SCARPA ha segnate e ha pigghiate pure ‘na traverse, ma l’arbitro ha incredibilmente annullato.


Terna arbitrale discutibile specialmente ‘u segnalinee. Menumale ca ‘nu sciucatore d’u Verona ha menate ‘na pallunate ferma ferma ngape all’arbetre… accussì se mbare p’a prossema vote. Brucààààààààààààà! E tande nge vuleve per cambiare modulo e mettere gente fresca e motivata? E’ vero pure che esterni bassi con i piedi buoni no ne tenime proprie e n’avime accundendà e ca SCARPA, pure, fusce accome a ‘nu trene, ma spesso è senza appoggio per le triangolazioni. Solo RUSSO, ‘u piccinne nuestre, ha dimostrato una certa intesa con lui. CORONA, ognettande si ferma a specchiarsi nel lago come un novello Narciso e perde tempo prezioso. Uno solo è ogni volta: granne, ‘nziste, aggarbate e azzemmate e ca fasce sempre ‘u dovere sue: DAVIDE GIORGINO che in quanto Davide non ha paura di alcun Golia… e a pensare che l’avevano messo fuori squadra…. A proposito di Golia… a ‘nu certe punde ha trasute ‘nu sarchiapone gruesse gruesse d’u Verone che ha marcato RUSSO. Beh! Necole no jé proprie jierte e gruesse… ehehehe… e pareve ca stu sciucatore eve ‘a custodie de Necole… ce s’apreve accome ‘a custodie d’u condrabbasse; Coline nuestre, sceve satta satte jindre… ehehehe…Beh!  Giuliettaaaaaaa… fatt’a calà! Ehehehe.

 
< Vid quidd d'apprim.   Vid 'nnotre. >
 
Top! Top!