Home
mercoled 05 agosto 2020
 
 
 
Angelo ed il suo Natale PDF Stampa E-mail
L'ha scritt Peppe Nesta   
marted 29 dicembre 2009

 Angelo in compagnia del suo cagnolino Gigino vaga nella notte alla ricerca di un giaciglio su cui dormire, un angolino al riparo, magari sopra un cartone e magari ce ne fosse un altro da usare come coperta.
Strada facendo la fortuna lo aiuta, trova due bei scatoloni, forse contenevano frigoriferi, pensa, li schiaccia e trascinandoseli appresso raggiunge finalmente un angolo al riparo, o almeno così gli sembra.
Sistema accuratamente i due cartoni e, dopo essersi seduto, apre il sacchetto in tela dove tiene qualche soldino che ha ricevuto come elemosina, comincia a contare mentre Gigino zampetta qui e là quasi infastidendolo …

“Vieni qui, stiamo stretti stretti che almeno ci scaldiamo un pò … nò zùmbà da na vànne all’òtre … ca mè fàce perdè le cùnde!”
Come di incanto Gigino smette di saltellare e si accoccola al suo fianco ed Angelo continua a contare.


“Sejeure e quarandacinghe cèndeseme … beh Giggì e pùre dùmane putìme mangià … cè cambàme … cè Dije vòle!”
Racchiude gli spiccioli nel sacchetto e lo ripone nella tasca della sua ampia e goffa giacca.
“Giggì … ti ho mai detto perché ti ho chiamato così?”
Il cane sembra ascoltarlo e capire ogni sua parola, tanto che mentre parla lo fissa negli occhi.
“Tu te chiàme àccussì in onore de nù vècchie cùmbàgne mije … fa ca èmme fràte … ànzi meglio … di più!
Hame crìsciùte ‘nzième e quànda ùerre e ùaje hame cùmbenate … pensa che da pìccìnne ne chiàmàvene le gemèlle … i gemelli, proprie àccussì, … àddò stàve ijdde stàve ije … àddò stàve ije stàve ijdde, …
Pò hame fàtte grànne e tànda còse honne cangiàte, … l’hagghije pèrse quànne s’ha separàte cù ‘a mùgghijère, … ha fàtte àrme e bàgàglie e s’ha ‘mbarcàte … mò sarà ca stè all’Ammèreche … in America … eeeh … ma tu non puoi capire, … jè n’òtre Mùnne.
Ma quànne stè partève me fèce nù giuramènde, … dìcije ca àppene tùrnave me chiamàve … me telefunàve … addò m’haddà tèlefunàje … sòtte aù Pònde dè Pètre … ehehehe quànde sò stuèdeche!”

Mettendo la mano sulla testa del suo cagnolino lo tira a sé per tenerlo più vicino al caldo, ma forse anche per scaldarsi lui un po’.
Alza gli occhi al cielo e gli sembra di intravedere le stelle tra le nuvole che corrono via,  resta in silenzio per un po’ e poi …

“C’è stràna còse … stanòtte me pàre ca mànghe le nùvele vòlene stà sùse a stà città … cè sèlenzie Giggì, … ma tù è càpìte cè giùrne jè òsce? … òsce jè ‘a Viggìlie de Natàle e tòtte le crìstiàne àddevendene bbuène … perciò abbiamo fatto tanti soldi … stè capìsce ‘a mè Giggìne mije?
Il cane è semiaddormentato, lo guarda con un occhio solo ed un orecchio dritto a metà, comunque sembra aver capito tutto quello che gli ha detto il suo padrone, anzi quando sente nominare il suo nome si lascia sfuggire un guaito languido e lecca generosamente la sua mano.
“Dùmàne màtìne sciàme a Mèssa, quèdda de prìma matìne, … tù àspìtte fòre, àccussì ù prèvete né vède e quànne n’àzzettàme fòre a ù pùrtone d’a chièse nò ne dìce nìjnde, … jè capàce ca àccùcchiàme ‘nguàcche òtra còse dè tùrnìse e pò pùtìme fà pùre nùje ù prànze dè Natàle … ànzi … jè pròbàbbele pùre ca ù prèvete ne fàce màngià alla mènsa dèlle pùverijdde … ca pò cè nò sìme pùverijdde nùje … ehehehehe”
Tira su di sé il cartone a mò di coperta, avvicina e sistema meglio il suo cane, lo accarezza ben bene e decide che è arrivato il momento di dormire.
“Buonanotte Giggì, … buona notte e Buon Natale!

pepp’nest’

 
Vid 'nnotre. >
Cr'stian online:
Get Firefox!
Ce timb st face?
Tardnuestr
---
Scanzavirus Avast!
avast! Home

 
Top! Top!